Frattura malleolo tibiale.

La frattura del malleolo tibiale è la rottura della testa della tibia in prossimità della caviglia. Scopriamo le cause e il tipo di trattamento.

Frattura malleolo tibiale

La frattura del malleolo tibiale è la rottura della epifisi distale della tibia (testa della tibia in prossimità della caviglia). L'articolazione della caviglia collega la gamba al piede. Durante la deambulazione l'articolazione si trova a dover sostenere tutto il peso corporeo e pertanto è soggetta a sollecitazioni fortissime.

Ovviamente le sollecitazioni per effetto dell'accelerazione aumentano durante le attività sportive e per tale motivo la frattura del malleolo tibiale è un infortunio tipico di chi pratica determinate attività agonistiche (corsa, marcia, calcio, basket...).

La frattura del malleolo tibiale: il trauma.

Il trauma è generalmente provocato da una anomala ed eccessiva rotazione esterna della pianta del piede. La frattura, a seconda dell'intensità del trauma, può causare o no la rottura dei legamenti che tengono insieme l'articolazione.

I sintomi della frattura sono:

  • dolore intenso,
  • gonfiore,
  • deformità dell'articolazione stessa.

Il mezzo di indagine.

E'  una comune radiografia. In attesa di soccorsi specializzati è consigliabile immobilizzare il piede nella sua posizione (avendo cura di non serrare i bendaggi) ed applicare una borsa con ghiaccio.

Il trattamento della frattura del malleolo tibiale.

Può essere conservativo con applicazione di tutore gessato per circa sei settimane e chirurgico con applicazioni di viti e placche. Generalmente si ricorre con più frequenza al trattamento chirurgico che consente un migliore e più sicuro recupero funzionale dell'articolazione anche per il più breve periodo di immobilizzazione.

SU

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Medicina 360, non mostrare più questo box.