Stitichezza nei bambini e neonati.

Stitichezza nei bambini e neonati

I problemi di stitichezza nei bambini e neonati sono disturbi che ricorrono con buona frequenza. E bene chiarire onde non creare inutili allarmi che nei bambini molto piccoli la stitichezza più che dal numero di evacuazioni dipende dalla consistenza delle feci.

Se le feci sono morbide ma ciononostante l'espulsione non avviene allora più che di stipsi occorre parlare di "dischezia". La dischezia è la mancata apertura dello sfintere anale quando l'ultimo tratto dell'intestino trasmette lo stimolo che dovrebbe consentire l'evacuazione. In questi casi la soluzione del problema è la stimolazione rettale.

Per effettuare tale operazione che è comunque semplicissima occorre dotarsi degli strumenti necessari e procedere con la massima cautela. E necessario acquistare in farmacia un apposito sondino che va unto con olio idratante del bambino e stimolare lo sfintere con un movimento circolare. Normalmente tale problema si risolve naturalmente nel giro di un mese.

Se invece le feci sono dure e difficili da espellerle occorre allora procedere all'ammorbidimento. Per fare ciò o si ricorre a microclismi oppure si somministra nel latte uno zucchero il "lattulosio"che poiché non viene assorbito richiama acqua nell'intestino e quindi idrata ed ammorbidisce le feci.

Se lo svezzamento è già stato fatto occorre integrare la dieta del neonato con verdure cotte e frullati di frutta e abituare il bambino a bere molto. La stipsi tende anche ad insorgere quando al bambino vengono tolti i pannolini e li si deve abituare al vasino. Bisogna, in queste condizioni, tentare di educare il piccolo al riconoscimento dello stimolo ed eventualmente aiutarlo a spingere con l'addome. Il tutto ovviamente deve avvenire in una situazione tranquilla che induca il bambino a rilassarsi ed a superare il leggero dolore dell'inizio della defecazione. La dieta in casi di difficoltà deve essere con ovvietà particolarmente ricca di liquidi e fibre.

Torna alla home di Medicina

Torna su

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti: