Alitosi: rimedi, cause e cure naturali contro l'alito cattivo.

Alitosi: rimedi, cause e cure naturali contro l'alito cattivo

Cosa è l’alitosi.

L'alito cattivo o alitosi, come scientificamente viene anche detta, è l'emissione di un odore sgradevole con la respirazione. L’alitosi è un disturbo molto comune di cui soffre, in maniera più o meno grave, il 50% circa della popolazione mondiale. Per quanto sia una patologia banale (non ha generalmente gravi riflessi sulla salute complessiva dell’individuo) risulta molto fastidiosa e può, nei casi gravi, pregiudicare pesantemente la vita e le relazioni sociali di chi ne soffre.

Quanti e quali sono i tipi di alitosi?

L'alitosi può classificarsi in: alitosi para fisiologica ed alitosi persistente.

  • L'alitosi para fisiologica è temporanea e può imputarsi al consumo di alimenti con odore persistenti, al consumo di alcool, a farmaci che veicolano nel torrente sanguigno, e quindi nell'aria espirata, cattivi odori e a secchezza del cavo orale con aumento del PH e sviluppo di composti sulfurei mal odoranti.
  • L'alitosi persistente cronica è invece un problema più complesso e di difficile soluzione. Esso richiede una anamnesi completa della storia del paziente per escludere gravi patologie organiche come insufficienza renale ed epatopatia grave o infezioni di batteri alla laringe.

L’alitosi psicogena o Pseudoalitosi o Alitofobia è la paura immotivata ed eccessiva di avere alito sgradevole. Generalmente soffrono di tale disturbo persone che hanno avuto un genitore o un parente stretto che aveva seri problemi di alito cattivo ed in seguito a tale evento hanno sviluppato la fobia di averne ereditato il problema.

Cause che determinano l’alito cattivo.

Tra le cause dell'alitosi sono da annoverare:

  • Consumo di alimentari come cavolo, cipolle, aglio, o caffè.
  • Fumo ed alcool che disidratano il cavo orale favorendo il prolificarsi dei batteri
  • Malattie organiche, dipendenti da fegato, reni, stomaco, intestino ed apparato respiratorio, come possono essere: cirrosi epatica, ernia iatale, insufficienza renale (odore di urina) o diabete (caratteristico odore di acetone).
  • Farmaci quali vitamine, anestetici o insulina.
  • Problemi del cavo orale, quali carie in atto o piorrea, gengiviti, depositi di patina organica sulla lingua, una scarsa o scorretta igiene orale, che possono favorire un proliferare di batteri gram negativi.Tali batteri prosperano in ambiente anaerobico (in assenza di ossigeno) e si nutrono decomponendo particelle di cibo presenti nella saliva o depositate sulla lingua e nelle tasche gengivali, demoliscono le sostanze proteiche, naturalmente presenti nella bocca, liberando composti volatili come l'idrogeno solforato responsabile dell'alito mal odorante.

In gran parte dei pazienti i problemi di alito cattivo derivano dalla bocca e pertanto lo specialista, deputato generalmente alla risoluzione del problema, è il dentista.

Esistono mezzi, metodi o strumenti in grado di accertare il disturbo?

Un tempo i dentisti per diagnosticare l’alitosi utilizzavano la cosiddetta prova organolettica, un sistema empirico che consisteva nell’odorare l’alito del paziente ed in base alla distanza alla quale veniva percepito il cattivo odore, veniva diagnosticata un’alitosi lieve o forte.

Oggi naturalmente è possibile ricorrere ad appositi strumenti diagnostici che misurano la quantità di gas maleodoranti presenti nell’aria espirata. Viene utilizzato uno strumento detto Halimeter capace di individuare l’alitosi ed anche di monitorare i cambiamenti che si verificano nel tempo in cui si effettuala terapia.

Rimedi contro l’alito pesante.

Rimedi contro l'alitosiStabilita oggettivamente la presenza di alitosi, si deve procedere, per una corretta terapia, alla identificazione della causa scatenante. La cura dell’alitosi è legata alla soluzione del problema che la ha generata e pertanto è necessario l’intervento di uno specialista che risolva il problema che è alla base.

Ovviamente una corretta igiene orale con l’utilizzo di appropriato spazzolino, filo interdentale e scovolini è condizione fondamentale.

Va sottolineato che durante le operazioni di pulizia dei denti non va assolutamente trascurato un accurato spazzolamento del bordo superiore della lingua allo scopo di rimuovere il deposito organico che si forma su di essa e la sottostante colonia di batteri. 

Rimedi naturali, consigli della nonna ed omeopatia.

Come sopra detto non esiste una cura generale per l’alitosi, ma molti sono i rimedi che possono attenuare il problema presenti nella tradizione popolare, in farmacia o in erboristeria.

  • Sciacqui e gargarismi, collutori e spray, dentifrici, gomme o caramelle a base di menta, te verde o anice hanno un’azione rinfrescante e antisettica del cavo orale.
  • Molto indicati per sconfiggere l'alitosi sono gli oli essenziali di menta e cardamomo, di lavanda o di menta piperita e limone.
  • I preparati omeopatici per l'alitosi sono a base di Carbonium acidum o di mercurius solubilis.
  • Un vecchio trucco della nonna per evitare l’imbarazzo dell’alito pesante è quello di avere un’ arancia o un limone o anche un chicco di caffè sempre a portata di mano.

Torna alla home di Medicina

Torna su

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti: