Cefalea da sforzo.

Cefalea da sforzo

La cefalea da sforzo è una cefalea primaria ossia un tipo di cefalea non legata ad alcun di malattia o lesione strutturale ma che può presentarsi per numerose cause non sempre tra loro correlate.

Come il termine stesso indica le cefalee da sforzo sono associate ad attività fisica e possono rapidamente peggiorare se lo sforzo è notevole e/o prolungato come può essere il body building o più semplicemente un rapporto sessuale, un semplice orgasmo o addirittura un colpo di tosse.

Comunque al di la della sua banale apparenza il mal di testa da sforzo, specialmente se non è episodico ma si ripete con una certa frequenza, merita indagini più approfondite perché potrebbe essere conseguenza di una anomalia del cervello o di un fenomeno ipertensivo persistente.

Pertanto non va sottovalutato il male ed è necessario rivolgersi ad uno specialista che dopo le indagini rituali (controllo di pressione, elettrocardiogramma etc..) può richiedere una risonanza magnetica del cervello ed una MRA dei vasi sanguigni del cranio. In tal modo è possibile escludere eventuali anomalie del cervello e dei vasi sanguigni. Va detto che nella maggior parte dei casi la cefalea da sforzo è di carattere benigno ed è generalmente provocata da stress o vita disordinata.

Ovviamente questo tipo di patologie sono più frequenti in pazienti che hanno già problemi correlati ad altro tipo di cefalee. Va esplicitamente notato che il consumo di alcool ma fondamentalmente di cocaina, anfetamine ed altri tipi di eccitanti generano attacchi di cefalee da sforzo che risultano estremamente pericolosi perché causati da picchi ipertensivi che possono facilmente tradursi in ictus cerebrali.

Se non vengono riscontrate gravi cause organiche la cefalea da sforzo ha una remissione alquanto benigna ed è sensibile al trattamento farmacologico con indometacina che viene generalmente assunto in dosi blande mezzora prima dello sforzo. Utili risultano, in special modo se la patologia ha una componente di stress, tecniche di rilassamento.

Torna alla home di Medicina

Torna su

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti: