Feci verdi in neonati, bambini ed adulti: cause possibili.

Indaghiamo le possibili cause delle feci di colore verde nei neonati, nei bambini e negli adulti. Vediamo i casi in cui occorre preoccuparsi e ricorrere prontamente alle cure di un medico.

Feci verdi in neonati, bambini ed adulti: cause possibili

    Indice Articolo:

  1. Cosa determina il colore verde?
  2. Cause nell'adulto
  3. Cause nei neonati e nei bambini
  4. Opinioni e commenti

Perchè le feci diventano verdi?

Normalmente le feci sono colorate di marrone. Ciononostante esse possono presentarsi con una gamma abbastanza ampia di colorazioni che vanno dalle varie gradazioni di marrone fino al verde chiaro o scuro, senza che tutto questo costituisca il segnale di una seria implicazione patologica.

Puoi approfondire le diverse colorazioni delle feci e le cause che le determinano.

Tale variazione di colorazione delle feci è dovuta a due fattori essenziali:

  • Ciò che si mangia: alcuni alimenti, infatti, hanno la capacità di colorarle per i pigmenti che contengono. Riportiamo un esempio su tutti. Il consumo di verdure a foglia larga, alimenti ricchi di clorofilla, come spinaci, broccoli, rape, etc. colora le feci di un colore verde intenso.

  • La quantità di bile presente nell’intestino ed i processi di degradazione che essa subisce nel transito intestinale (vedi il box di approfondimento per maggiori dettagli).

Breve approfondimento sulla varia colorazione delle feci anche in assenza di patologie.

La normale pigmentazione marroncina delle feci è una conseguenza dalla presenza della bile nell’intestino. Bile che giunge nella prima parte dell’intestino tenue, il duodeno, attraverso un dotto, coledoco, che la convoglia dalla cistifellea dove è stivata.

La bile è secreta dal fegato e serve alla digestione dei grassi contenuti nei cibi con cui ci alimentiamo.

Di colore verde scuro è composta da una miscela di sostanze tra cui vi è la bilirubina,che è un sottoprodotto dei gruppi EME della emoglobina contenuta nei globuli rossi che sono stati degradati dalla milza. (Ricordiamo che i gruppi EME sono la parte non proteica della emoglobina grazie ai quali l’emoglobina può legare l’ossigeno e consentire la respirazione corporea).

La bilirubina nell’intestino, ad opera della flora batterica, è degradata in bilinogeni (urobilinogeno, mesobilinogeno e stercobilinogeno). Questi composti sono incolori ma continuando nel percorso intestinale, sempre ad opera di batteri, vengono ossidati a urobilina, mesobilina e stercobilina che invece sono colorati:. di giallo l’urobilina e di marrone la stercobilina. Pertanto conferiranno la tipica colorazione marroncina alle feci.

Tutto ciò è quanto accade in condizioni normali. Può però succedere che, o per alterazioni della flora batterica o per transito troppo veloce delle feci nell’intestino, la fisiologica degradazione della bilirubina in bilinogeni non avvenga o che avvenga solo parzialmente.

In tal caso la bilirubina non convertita viene ossidata a biliverdina che ha un colore verde intenso. La conseguenza di ciò è un viraggio al verde delle feci.

Cause delle feci di colore verde nell'adulto e nel ragazzo.

Cause delle feci verdi nell'adulto

Le cause che possono indurre feci verdi chiare o scure sono molteplici. Fortunatamente la maggioranza di esse costituiscono sono solo uno stato transitorio assolutamente non patologico che rientra dopo un tempo relativamente breve. E’ solo in un ridotto numero di situazioni le feci verdi sono il sintomo con cui si manifesta una preesistente patologia intestinale.

Esse possono così riassumersi.

  • Transito troppo veloce degli alimenti nell’intestino. La bile ed i suoi componenti nel transito intestinale subiscono modificazioni ad opera della flora batterica che colonizza l’intestino. Al termine del processo i prodotti di degradazione conferiscono alle feci la tipica colorazione marrone. Se il transito nell’intestino è troppo veloce i fisiologici processi di degradazione della bile non vengono portati a termine e le feci si colorano di verde. La causa che più comunemente accelera il transito intestinale degli alimenti è la diarrea. Diarrea che può scatenarsi per svariate cause alcune patologiche come infezione (virus,batteri ,parassiti), ma anche non patologiche come stress o assunzione di purganti.

  • Alterazione della flora batterica. Come già detto la degradazione della bilirubina in stercobilina (da il colore marrone alle feci) è ad opera della flora batterica del colon. Se assunzioni di farmaci (antibiotici) ed altre cause modificano detta flora può accadere che vengano compromessi i fisiologici processi di degradazione descritti e la bilirubina viene ossidata a biliverdina che colora di verde le eiezioni.

  • Dieta ad elevato consumo di verdure ricche di clorofilla. Le verdure a foglia larga sono molto ricche di clorofilla. Clorofilla che è un pigmento di colore verde che colorerà le feci conferendo loro un aspetto verdastro.

  • Integratori di ferro. Determinano una colorazione scura delle feci e talvolta verde.

  • Coloranti alimentari. Alcune bevande o alimenti contengono coloranti alimentari che possono colorare di verde le feci.

  • Intossicazioni alimentari. Provocano diarree e quindi possibilità di feci verdi.

  • Celiachia. Malattia autoimmune dell’intestino tenue. Per una deficit genetico il sistema immunitario riconosce come nemico la gliadina una proteina contenuta nel glutine e scatena contro di essa una violenta reazione infiammatoria. Tra i vari sintomi vi è la diarrea che riduce il tempo di transito intestinale degli alimenti e quindi possono aversi feci di colore verde.

  • Malattie infiammatorie croniche dell’intestino (morbo di Crohn, rectocolite ulcerosa). Sono caratterizzate da una sintomatologia diarroica e quindi con possibilità di feci verdi. Inoltre il processo infiammatorio può pregiudicare il fisiologico riassorbimento della bile da parte dell’intestino.

  • Tumori dell’intestino. Alcuni tumori dell’intestino come quello del colon possono indurre una sintomatologia che alterna fasi di diarrea a stitichezza. Nelle fasi di diarrea vi possibilità di riscontrare feci colorate di verde.

Cosa fare in questi casi?

Nella maggioranza dei casi poichè non si tratta di una condizione morbosa non occorre alcun trattamento basterà attendere un giorno o due ed il problema rientrerà spontaneamente. Importante è invece rispettare poche norme che aiutano a mantenere un intestino sano ed efficiente e precisamente:

  • Seguire una dieta che preveda le giuste quantità di fibre sia solubili che insolubuili. La cosa con buona sintesi si traduce nel consumare adeguate quantità di frutta e verdura. Le fibre mantengono pulito l’intestino e contribuiscono al corretto svolgimento dei processi digestivi.

  • Bere molta acqua. L’acqua aiuta ad eliminare le tossine e inumidendo le fibre regolarizza il transito intestinale.

  • Svolgere una costante e moderata attività aerobica.

Se le feci verdi sono provocate da una patologia preesistente occorre curare e se possibile eliminare questa malattia o comunque tenerla sotto controllo. 

Quando in presenza di feci verdi bisogna ricorrere alla cure di un medico.

Bisogna immediatamente interpellare il medico nelle seguenti occasioni:

  • La presenza di feci verdi non è occasionale ma continua nel tempo.

  • La presenza di feci verdi si accompagna a febbre perduranti, diarrea e coliche.

Cause di feci verdi nei neonati.

Cause feci verdi nei bambini

Le principali cause della colorazione verde delle feci di neonati e bambini sono:

  • Meconio. Materiale di colore verdastro scuro che è contenuto nell’intestino del feto e che viene espulso mediante defecazione nei primi giorni di vita del neonato. E formato da secrezioni dell’intestino, liquido amniotico ingerito nella fase prenatale, cellule squamate dell’epitelio dell’intestino.
  • Alimenti ricchi di clorofilla nella dieta materna. I neonati che allattano al seno possono presentare feci verdi se la mamma consuma verdure a foglia verde ricche del pigmento verde clorofilla. Questa viene trasmessa al neonato attraverso il latte materno.
  • Eccesso di integratori di ferro. Se si alimenta il neonato con latte artificiale e si arricchisce la poppata con integratori di ferro.
  • Dieta materna eccessivamente ricca di derivati del latte e prodotti caseari.Una dieta eccessivamente ricca di derivati del latte delle mamme che allattano può procurare al neonato effetti notevoli sull’apparato digestivo, indurre diarrea e quindi anche feci verdi per ridotto transito intestinale.
  • Primo latte. La composizione del latte materno cambia considerevolmente nel corso della poppata. Nella fase iniziale fuoriesce dal seno il così detto primo latte. Questo è molto leggero ed ha una composizione che è principalmente costituita da zuccheri. Dopo circa dieci minuti di poppata la composizione del latte cambia. Perde in zuccheri e si arricchisce di proteine e grassi (secondo latte). Dopo ancora una decina di minuti incomincia a fuoriuscire il terzo latte che è composto essenzialmente di grassi. Ora il neonato è molto sensibile al primo latte che facilmente scatena coliche e diarree con possibilità di feci verdi. Per ovviare a tale inconveniente si consiglia di non cambiare continuamente il seno al neonato durante la poppata e se possibile allattarlo da un sol seno.
  • Svezzamento. Il passaggio dall’allattamento all’ alimentazione normale può volere un periodo di adeguamento che può essere caratterizzato da coliche diarree e feci verdi.
  • Allergie ed intolleranze. Se il bambino viene allattato artificialmente può verificarsi che risulti allergico o intollerante a proteine del latte artificiale con conseguenti coliche,diarree e possibili feci verdi.
  • Dentizione. Allo spuntare dei primi dentini il bambino produce gran quantità di saliva. Saliva che viene inghiottita e che produrrà irritazione dell’intestino con diarrea e possibilità di feci colorate di verde.
  • Infezione intestinale. L’agente patogeno può essere vario (virus, batterio, parassita) ma comunque provocherà coliche e diarrea e quindi possibile colorazione verde delle feci.

Quando consultare il medico?

La sola presenza occasionale di feci verdi non è motivo di allarme. Bisogna invece interpellare il medico se:

  • Se le feci risultano colorate di verde per un periodo che supera i 2 giorni.

  • Se si accompagnano a diarrea severa e coliche che rendono inquieto il neonato.

  • Se si accompagnano a febbre.

  • Se la diarrea presenta tracce ematiche.

Supervisione: Vincenzo Angerano
Torna alla home di Medicina

Indice Articolo: