Immunoterapia oncologica: cos’é? Per quali tumori è adatta? Risultati ed effetti collaterali.

L’immunoterapia oncologica è una innovativa terapia anticancro che agisce a livello del sistema immunitario per stimolarlo ad attaccare le cellule tumorali.E’ adatta per diverse forme tumorali quali il melanoma metastatico, il tumore al polmone a cellule squamose, il tumore renale ed è in grado di raddoppiare la sopravvivenza dei pazienti affetti. Ma quali sono gli effetti collaterali?

Immunoterapia oncologica: cos’é? Per quali tumori è adatta? Risultati ed effetti collaterali

    Indice Articolo:

  1. Cos'è?
  2. Funziona?
  3. Effetti collaterali

Cos’è l’immunoterapia oncologica?

L'immunoterapia oncologica è una nuova terapia per i tumori che affianca le tradizionali chirurgia, chemioterapia e radioterapia. Il suo funzionamento, rispetto alla chemioterapia, è totalmente diverso in quanto agisce a livello del sistema immunitario, stimolandolo, potenziandolo e rendendolo capace di rispondere in maniera adeguata alle cellule tumorali. In questo modo l'immunoterapia mira alla distruzione delle cellule neoplastiche grazie al sistema immunitario dell'individuo stesso. È una terapia innovativa che attualmente è disponibile solo per determinate tipologie di tumore e che non è ancora disponibile in tutta Italia (attualmente soltanto a Siena l'AOU Senese ha un intero reparto dedicato all'immunoterapia oncologica), ma sta dando risultati incoraggianti (sembra sia efficace nell'80% dei pazienti trattati, in termini di riduzione della massa tumorale e prolungamento della sopravvivenza) tanto da orientare molto la ricerca in questo ambito.

Meccanismo di azione e farmaci.

L'immunoterapia oncologica non agisce sulle cellule tumorali, a differenza di chirurgia, radioterapia e chemioterapia, ma va a colpire le cellule del sistema immunitario, o meglio particolari strutture che vengono espresse da queste cellule e che solitamente vengono inattivate da parte delle cellule tumorali, provocando l'incapacità del sistema immunitario di riconoscere il tumore come "estraneo", e quindi di attaccarlo e distruggerlo. In particolare le strutture coinvolte sono:

  • CTLA - 4: è un recettore espresso sulla superficie dei linfociti (in particolare sulla superficie dei linfociti T CD4+ e CD8+), che, se attivato (mediante il legame con una molecola chiamata B7), manda al linfocita stesso un segnale di tipo inibitorio, riducendo in questo modo la produzione di linfociti e la risposta immunitaria. Il farmaco che agisce a questo livello è un anticorpo anti - CTLA -4, che si chiama ipilimumab. Questo anticorpo si lega al recettore CTLA - 4 inattivandolo e favorendo in questo modo la proliferazione dei linfociti ed il potenziamento della risposta immunitaria.
  • PD - 1: è un recettore proteico che si trova sulla superficie dei linfociti T e dei pro - linfociti B (la forma immatura ed inattiva del linfocita B). PD - 1 si lega solitamente a PDL - 1 che spesso viene espresso sulla superficie delle cellule tumorali. Questo legame trasmette alla cellula immunitaria un segnale di tipo inibitorio che porta a riconoscere la cellula tumorale come "non pericolosa" e pertanto fa sì che il tumore non venga aggredito dal sistema immunitario. I farmaci anti PD - 1, nivolumab e pembrolizumab, ed anti PDL - 1 (atezolizumab), impediscono il legame di PD - 1 con PDL - 1 facendo si che il sistema immunitario riesca nuovamente a riconoscere il tumore come estraneo e lo aggredisca distruggendolo.

 Come si effettua questa terapia?

La terapia viene somministrata per via endovenosa, in day hospital, solitamente per 4 cicli, con una pausa di 3 settimane tra un ciclo e l'altro.

La sua azione, rispetto alla chemioterapia, non è immediata, ma ritardata (possono volerci 16 - 20 settimane prima che faccia effetto) in quanto serve una certa tempistica per stimolare il sistema immunitario.

L'immunoncologia funziona?

L’immunoncologia si usa con successo per il trattamento di tumori che erano fino a poco tempo fa “senza speranza” ed è in grado di raddoppiare la percentuale di sopravvivenza dei pazienti.

Per quali tumori viene utilizzata e con quali risultati?

Attualmente l'immunoterapia dei tumori è adatta per trattare soltanto alcune forme neoplastiche. In particolare: 

  • L'anticorpo anti  CTLA - 4 si utilizza per il trattamento del melanoma metastatico. È molto efficace su questo tipo di tumore tanto da aumentare la sopravvivenza globale da 5 a 10 anni. 
L’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter ha dichiarato di aver sconfitto il melanoma metastatico, con metastasi al fegato e al cervello, proprio grazie all’immunoterapia!
  • Gli anticorpi anti PD - 1 e PDL - 1 vengono utilizzati per il trattamento del tumore a cellule squamose del polmone non operabile e pre - trattato con chemioterapia, al fine di ridurre il più possibile la massa tumorale. Si usano inoltre per il trattamento del tumore del colon - retto metastatico, e in via ancora sperimentale per il trattamento del tumore prostatico, e del tumore polmonare non a piccole cellule.
  • Un mix di due anticorpi, nivolumab (anti PD - 1) e ipilimumab (anti CLTA - 4) si utilizza per il trattamento del tumore renale, con un tasso di successo del 70% in termini di sopravvivenza a 2 anni.

Lo sapevate che…

La ricerca si sta focalizzando sul possibile impiego dell’ immunoterapia oncologica sia per il trattamento di altri tumori solidi quali tumore al seno, all'ovaio, alla vescica, al fegato fino ai tumori solidi rari come il mesotelioma, sia per il trattamento del glioblastoma, un tumore a rapida crescita e a prognosi infausta.

Gli effetti collaterali legati alla stimolazione del sistema immunitario.

Anche l'immunoterapia oncologica, così come le altre terapie, presenta effetti collaterali perlopiù legati alla stimolazione del sistema immunitario.

Tali effetti avversi si verificano dopo circa 6 - 7 settimane di somministrazione e sono perlopiù di natura infiammatoria, ad esempio possono verificarsi: 

  • Coliti di natura infiammatoria che si manifestano con dolori e crampi addominali, sensazione di gonfiore e diarrea. Si manifestano nel 40% dei pazienti trattati con ipilimumab e nel 16% dei pazienti trattati con nivolumab.
  • Eruzioni cutanee con comparsa di arrossamenti, piccoli puntini rossi, prurito e sensazione di calore. Il prurito si manifesta nel 47 - 68% dei pazienti sottoposti a immunoterapia con anti CLTA - 4, e nel 30 - 50% dei pazienti trattati con anti PD - 1.
  • Sensazione di stanchezza, astenia e affaticabilità (effetto comunemente chiamato fatigue che è sovrapponibile a quello che si verifica con la chemioterapia). Si manifesta in percentuali variabili con entrambe le categorie di farmaci.
  • Secchezza delle mucose della gola e degli occhi, che si manifesta nel 5% con entrambe le categorie di farmaci.
  • Dolori articolari e muscolari, che si manifestano nel 5% dei pazienti trattati con entrambe le categorie di farmaci.
  • Ipotiroidismo, che si manifesta nel 5 - 10% dei casi trattati con entrambe le categorie di farmaci.
  • Nel 2% si manifesta una tossicità renale con entrambe le categorie di farmaci. Tale tossicità si evidenzia soltanto misurando la creatinina poiché risulta asintomatica.
  • Il 3% dei pazienti trattati con nivolumab presenta tossicità polmonare che si manifesta con tosse secca e dispnea (difficoltà respiratorie).
  • In rari casi può manifestarsi tossicità neurologica con ipilimumab, con insorgenza di neuropatia periferica.

L’articolo ha uno scopo esclusivamente informativo e non intende sostituirsi in alcun modo al parere del medico oncologo.

Supervisione: Vincenzo Angerano - Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Francesca Vassallo
Indice:

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Medicina 360, non mostrare più questo box.