Ipertrofia ventricolare sinistra .

Ipertrofia ventricolare sinistra

il ventricolo sinistro è una delle quattro cavità cardiache. Con più precisione è quella che contraendosi spinge il sangue arterioso (ricco di ossigeno) in tutto il corpo. Di conseguenza data la natura muscolare del cuore l’ipertrofia ventricolare sinistra è un aumento della massa muscolare di questa regione anatomica. Detto aumento di massa muscolare può essere causato da svariati fattori; di seguito riportiamo i più comuni:

  • Ipertensione arteriosa. Un aumento della pressione arteriosa implica una maggiore resistenza al flusso sanguigno e di conseguenza il ventricolo sinistro per assicurare la normale gittata sanguigna deve effettuare delle contrazioni più energiche e quindi compiere un maggior lavoro che nel tempo comporterà un aumento della sua massa muscolare e quindi l’ipertrofia.
  • Stenosi della valvola aortica. Restringimento della valvola che separa l’arteria aorta dal ventricolo sinistro.
  • Cardiomiopatia ipertrofica. Malattia genetica ereditaria del tessuto muscolare del cuore che ne provoca ipertrofia.
  • Pratica di discipline sportive di potenza. Esempio tipico è il sollevamento pesi agonistico.
  • Pratica di discipline sportive di fondo. Esempi sono il ciclismo e la maratona. In questo caso oltre ad un inspessimento della parete muscolare del ventricolo si ha anche un aumento del suo volume per assicurare un maggior apporto sanguigno durate la prestazione sportiva.
  • Precedente infarto cardiaco. In questo caso l’ipertrofia serve a compensare aree del muscolo cardiaco che hanno perso la capacità di contrarsi in seguito all’evento traumatico.

Si usa classificare l’ipertrofia ventricolare sinistra in funzione della sua morfologia in:

  • Ipertrofia concentrica. L’aumento dello sforzo di contrazione del ventricolo sinistro porta ad uno inspessimento della sua tonaca muscolare ed ad una contemporanea riduzione del diametro della sua cavità. Il risultato è una complessiva riduzione della sua capacità di distendersi in seguito ad una contrazione ed una conseguente riduzione della gittata sanguigna. Questo tipo di ipertrofia è di norma conseguente ad un perdurante e prolungato aumento della pressione arteriosa.
  • Ipertrofia eccentrica. Si sviluppa se l’ inspessimento delle pareti del ventricolo sinistro è accompagnato da un contemporaneo aumento del diametro della sua cavità e quindi il rapporto spessore raggio si mantiene costante. E’ di norma tipica degli atleti che praticano discipline di endurance come la maratona o delle persone obese.
  • ipertrofia asimmetrica. E’ caratterizzata da una asimmetria della cavità ventricolare che si instaura per cause che non sono ancora note.

Naturalmente l’aumento di massa muscolare della tonaca del ventricolo produce si un aumento della forza di contrazione del muscolo ma nello stesso tempo ne determina una notevole compromissione della sua elasticità e ciò determina un conseguente deterioramento della sua efficienza complessiva (diminuzione della gittata sanguigna) con problemi di ossigenazione dei tessuti. Inoltre l’aumento della massa muscolare provoca compressione dei vasi sanguigni che peggiora ulteriormente il quadro clinico già compromesso.

Ipertrofia ventricolare sinistra i sintomi.

Poiché la patologia si instaura con un processo che generalmente procede in maniera estremamente lenta, inizialmente la sintomatologia è quasi del tutto assente. Solo quando la patologia è ormai conclamata possono aversi:

  • Percezione del battito cardiaco. Di norma non abbiamo una percezione fisica del cuore che batte in condizioni fisiologiche. Tale percezioni divengono evidenti se il cuore accelera o fa fatica. Detto sintomo è noto come cardiopalmo.
  • Dolore nella regione sottosternale.
  • Sensazione di respirazione difficoltosa.
  • Vertigini.
  • Stanchezza diffusa anche dopo sforzi di bassa entità.
  • Nei casi gravi svenimenti e perdita di conoscenza.
  • Ipertrofia ventricolare sinistra diagnosi.

    • Analisi di sintomi e segni.
    • Elettrocardiogramma.
    • Ecocardiogramma. Ecografia Doppler del cuore che consente di ottenerne immagini in movimento.
    • Risonanza Magnetica Nucleare.

    Ipertrofia ventricolare sinistra trattamento.

    Il trattamento dell’ipertrofia ventricolare sinistra è funzione della causa che lo ha procurato. E di conseguenza se la causa è una malattia antecedente questa va curata. Generalmente la causa più comune è l’ipertensione che va trattata quanto più precocemente è possibile. Si prescrive:

    1. Corretto stile di vita. Controllo del sovrappeso con dieta adeguata, niente fumo ed alcool, moto.

    2. Farmaci antipressori che generalmente controllano anche il normale ritmo cardiaco.

    Nel caso di stenosi della valvola aortica può rendersi necessario un intervento chirurgico correttivo dell’anomalia.

    Ipertrofia ventricolare sinistra prognosi.

    L’ipertrofia ventricolare è in qualche verso reversibile come ogni ipertrofia muscolare. Anche se il ritorno alla norma non è mai completo perché parte delle fibre muscolari vengono sostituite da tessuti fibrotici. Per tale motivo è fondamentale iniziare il trattamento della malattia (in special modo nei casi di ipertensione) per impedire che si generino compromissioni del muscolo cardiaco irreversibili.

    Ipertrofia ventricolare sinistra complicanze.

Torna alla home di Medicina

Torna su

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti: