Morbo di Paget: sintomi, diagnosi e terapia per la sindrome.

Il morbo di Paget è una patologia ossea, le cui cause non sono ancora ben note, ma si pensa ad un'interazione tra fattori genetico - ereditari ed infezioni a carico di “Paramyxovirus”. La sintomatologia predominante è rappresentata dal dolore a cui si associano deformità fragilità ossea, con conseguenze varabili dalle fratture, alla sordità, alla cefalea, in base alle ossa colpite. Come avviene la diagnosi? Quale è la terapia più adatta a curare la sindrome?

Morbo di Paget: sintomi, diagnosi e terapia per la sindrome

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Cause
  3. Sintomi
  4. Diagnosi
  5. Terapie
     

Il morbo di Paget: caratteristiche.

Il morbo di Paget, più correttamente definito dal termine medico di osteite deformante, è una patologia metabolica ossea molto rara che colpisce lo scheletro umano. Ha una prevalenza che varia dall'1% all'8% nelle persone adulte, in relazione all’area geografica e all’età. Il morbo di Paget, è raro nelle persone al di sotto dei 40 - 50 anni e colpisce i due sessi in un rapporto maschi:femmine di 3:2. Per quanto riguarda invece l'area geografica sembra che la zona più colpita sia la Gran Bretagna, seguita da Europa, Australia, Nuova Zelanda e Sud dell'Africa. É una patologia che invece si riscontra raramente in Scandinavia, Giappone e Cina. Sebbene siano prevalentemente gli adulti ad essere colpiti, esiste anche una forma giovanile che colpisce i bambini.

Il meccanismo fisiopatologico.

Il meccanismo patologico che sta alla base dell’osteite deformante, è determinato da uno squilibrio tra i processi fisiologici di distruzione e deposizione della matrice ossea.

In condizioni fisiologiche, l'osso viene costantemente rimodellato attraverso processi di distruzione (eseguiti da particolari cellule chiamate osteoclasti) e di deposizione (processo a carico degli osteoblasti). Nel morbo di Paget, vi è un disequilibrio tra questi due processi ed in particolare:

  • Gli osteoclasti risultano iperattivi e distruggono molto velocemente la matrice ossea.
  • Gli osteoblasti risultano anch'essi molto attivi, deponendo matrice ossea ad un ritmo superiore alla norma. Tale matrice, rispetto a quella fisiologicamente sana, presenta alterazioni strutturali (definite modello a mosaico per la distribuzione delle lamelle e delle trabecole ossee) che ne determinano fragilità.

Questa situazione determina la patologia, la cui evoluzione può essere suddivisa in tre fasi principali:

  • Una fase litica, in cui si ha la prevalenza dell'azione degli osteoclasti.
  • Una fase mista, in cui prevale l'attività degli osteoblasti.
  • Una fase blastica o inattiva, in cui si ha la riduzione dell'attività degli osteoblasti.

In parole povere, quello che succede è che le ossa subiscono un aumento dei processi di rimodellamento e di distruzione (processo che normalmente avviene nell’arco di anni). Tutto questo, causa la formazione di ossa la cui struttura interna non è compatta e resistente come in quelle sane, ma è formata da strati ossei non bene organizzati, di consistenza friabile e le ossa risultano più grandi del normale.

A differenza di altre patologie ossee, questo morbo, non colpisce indistintamente tutte le ossa ma ne predilige alcune come quelle del cranio, dell'anca, del bacino, della colonna vertebrale e degli arti inferiori come ginocchio, femore e tibia.

Esistono altre patologie che sono indicate dal termine "morbo di Paget"e che non c'entrano nulla con l'osteite deformante a cui si riferisce principalmente questo termine. Tali patologie riguardano:
  • Seno: è una forma tumorale che provoca l'alterazione della cute del capezzolo e che si manifesta come se fosse un eczema.
  • Vulva: colpisce la vulva e che si manifesta con lesioni cutanee simili a quelle di un eczema o di una dermatite.
  • Regione anale: è una forma tumorale (adenocarcinoma) che colpisce la regione dell'ano, in particolare il margine anale.

Le possibili cause di questa patologia ossea.

Nonostante le reali cause che determinano l'insorgenza della patologia di Paget non siano ancora state identificate, vi sono comunque delle idee sulle possibili cause che possono causarne l'insorgenza.

In particolare sono due, le cause più accreditate:

  • Infezioni: sembra che un'infezione virale, in particolare quella sostenuta da un Paramyxovirus, potrebbe essere causa scatenante della patologia. Questo tipo di infezione virale, attacca gli “osteoclasti” scatenando una risposta di iper reattività delle cellule colpite nei confronti di alcuni fattori definiti attivanti. Più in particolare, l'infezione virale renderebbe gli osteoclasti più responsivi all'azione della vitamina D e della molecola RANKL, i quali ne promuovono l'attivazione. Quello che si verifica, è quindi, un'iperattivazione di queste cellule. Nonostante questa teoria, gli studi sono ancora in corso e non vi è nulla di accertato.

 

  • Fattori ereditari o genetici: anche i fattori genetici possano essere presi in considerazione. In particolare, si verificherebbero alterazioni a livello di uno dei fattori attivanti gli osteoclasti (RANK) e di un gene situato sul cromosoma 5, il gene del sequestosoma SQSTM1/p62 il quale regola la produzione di una proteina coinvolta nell'attivazione degli osteoclasti. Queste alterazioni, potrebbero dare la malattia, associandosi anche alle infezioni virali. Tuttavia gli studi sono ancora in corso.

Sintomi e conseguenze dell’osteite deformante.

Sintomi del morbo di Paget

La sintomatologia della malattia, è legata ai processi di distruzione/ricostruzione che riguardano l'osso, ed in particolare sono frequenti sintomi come:

  • Dolore alle ossa, in particolare alla schiena, alle gambe, ed a qualsiasi osso che viene colpito dalla malattia. Tale sintomo, si associa spesso a sensazione di formicolio, intorpidimento e debolezza.
  • Fragilità ossea, simile a quella determinata dall'osteoporosi, che provoca una predisposizione alle fratture.
  • Artrosi, in particolare alle ossa delle articolazioni, con danno alla cartilagine determinato dall'accrescimento anomalo dell'osso.

Puoi approfondire le tipologie di artrosi.

  • Deformità delle ossa, in particolare quelle cranio (si verifica un aumento della circonferenza di tali ossa), del rachide (che tende a curvarsi) e delle ossa delle gambe e delle braccia.
  • Stenosi spinale, ovvero il restringimento del canale che contiene il midollo spinale.

Tra le conseguenze determinate da questa patologia possiamo avere:

  • Mal di testa costante e vertigini, quando sono colpite le ossa del cranio.
  • Sordità, quando la deformazione delle ossa craniche comprime il nervo vestibolococleare.
  • Fratture ossee, determinate dalla fragilità delle ossa colpite.
  • Sviluppo di osteosarcoma (un tumore delle ossa) nelle fasi avanzate della patologia.
  • Paralisi o limitazione dei movimenti, quando si verifica la stenosi spinale, che determina la compressione dei nervi spinali.
  • Patologie cardiache, legate al fatto che possono formarsi delle connessioni tra l'osso e il sistema di arterie e vene, e questo può determinare un aumento del lavoro del cuore il quale può andare incontro ad insufficienza cardiaca legata a calcificazione della valvola aortica o a ipertrofia ventricolare.

In base alla gravità dei sintomi ed alle conseguenze determinate dalla patologia, è possibile fare richiesta di invalidità.

Diagnosi: tecniche di imaging ed esami di laboratorio.

Per la diagnosi di malattia di Paget, ci si avvale di diverse tecnologie di imaging e di indagini di laboratorio.

Tra le tecniche di imaging possiamo citare:

  • Radiografia: è l'indagine di prima scelta che consente di individuare le deformità ossee e soprattutto l'alternanza di aree di osteolisi, di sclerosi ossea e di espansione ossea.
  • Scintigrafia ossea: è un esame molto sensibile che si esegue mediante l'utilizzo di particolari sostanze radioattive chiamate radionuclidi e che è utile per determinare quanto sia estesa la patologia. Tuttavia, non è molto specifica come indagine poichè può dare risultati sovrapponibili a quelli di altre patologie similari.
  • Tac: non è un'indagine di prima scelta per l'individuazione della malattia ma può essere utile per fare diagnosi differenziale con altre patologie che coinvolgono le ossa.

Per quanto riguarda gli esami di laboratorio, vengono invece indagati i seguenti parametri:

  • Fosfatasi alcalina: è l'esame del sangue più specifico poichè tale parametro risulta notevolmente aumentato in circa il 95% dei pazienti colpiti dalla patologia. L'aumento della fosfatasi alcalina è legato ai processi di sintesi del tessuto osseo che rappresentano una delle caratteristiche del morbo di Paget.
  • Idrossiprolina: mentre la fosfatasi alcalina aumenta quando si ha sintesi ossea, l'idrossiprolina aumenta quando si ha demolizione ossea. Pertanto l'aumento di idrossiprolina, a livello urinario, è indice di aumentata attività osteoclastica, tipica della patologia.

Altri parametri di laboratorio che possono essere indicativi sono la quantità di calcio (ipercalcemia), i peptidi del procollagene 1 e l'osteocalcina. In rari casi, è possibile fare anche una biopsia dell'osso, particolarmente indicata quando si sospetta un'evoluzione in senso maligno della patologia.

Rimedi e terapie per la sindrome di Paget.

Il morbo di Paget, ha una prognosi variabile poichè si alternano periodi di stabilità o regressione della patologia a periodi in cui si hanno fenomeni acuti che possono limitare le normali attività quotidiane.

Le terapie più indicate, sono quelle farmacologiche e quella chirurgica, mentre non esistono attualmente rimedi naturali in grado di contrastare la patologia.

Terapia farmacologica.

I farmaci hanno lo scopo di ridurre i fenomeni di riassorbimento/deposizione che si verificano nell'osso al fine di ridurre quindi la sintomatologia e la progressione della malattia.

Quelli più comunemente utilizzati per trattare questa patologia sono:

  • Bifosfonati: rappresentano il gold standard per il trattamento della patologia ed il loro ruolo è quello di inibire il riassorbimento osseo dovuto all'iperattività degli osteoclasti. In particolare, questi composti, si legano in un primo momento alla matrice ossea, quando questa è coinvolta in processi di rimodellamento e successivamente si concentrano nelle zone in cui sono attivi gli osteoclasti, legandosi a questi ultimi ed inibendone l'attività.
    • Somministrazione: sia per via endovenosa che per via orale, si assumono a stomaco vuoto e la posologia è variabile in base al tipo di molecola (i più usati sono clodronato, risedronato, neridronato ed etidronato) ed al metodo di somministrazione. Si consiglia sempre di assumerli insieme ad un'integrazione nell'alimentazione di calcio (almeno 1500 mg al giorno) e di vitamina D (almeno 400 mg al giorno) per evitare un deficit di tali sostanze.
  • Calcitonina: è un ormone il cui ruolo è quello di ridurre la concentrazione di calcio e di fosfati presenti nel sangue e di favorire la fissazione di queste sostanze a livello osseo.
    • Somministrazione: per via intramuscolare e per il morbo di Paget la posologia è solitamente di 50 - 100 unità assunte giornalmente o tre volte a settimana. La cura ha una durata variabile che va dai 6 ai 18 mesi, a cui segue un periodo di riposo ed eventualmente un nuovo ciclo di trattamento.

Vi sono poi altri farmaci come gli antinfiammatori non steroidei (FANS, ad esempio ibuprofene) o gli antidolorifici (come il paracetamolo) o gli antinfiammatori steroidei (ad esempio i cortisonici) che possono essere utilizzati per il trattamento del dolore.

La terapia chirurgica: quando è necessaria?

La terapia chirurgica del morbo di Paget, è da attuarsi soltanto in quei casi in cui si manifestano gravi compromissioni della funzionalità ossea, come nel caso di:

  • Frequenti fratture, caso in cui il ruolo della chirurgia è quello di riposizionare le ossa in una posizione che garantisca un processo di guarigione corretto e rapido.
  • Artriti deformanti, in cui la chirurgia interviene tagliando l'osso colpito e riposizionandolo correttamente nella sua sede per permetterne la saldatura e il ripristino corretto.
  • Artriti degenerative, specialmente quelle che colpiscono l'anca o il ginocchio. In questo caso la chirurgia interviene per posizionare una protesi nell'articolazione colpita e renderla funzionale.

Dopo l'intervento chirurgico (che si consiglia di eseguire presso centri specializzati nella cura di tale patologia) il paziente, deve seguire un periodo di riabilitazione mediante fisioterapia per ripristinare la corretta mobilità ossea.

Supervisione: Vincenzo Angerano - Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Roberta de Martino
Indice:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Medicina 360, non mostrare più questo box.