Premenopausa.

Premenopausa

La premenopausa contraddistingue un periodo che può avere una durata di persino dieci anni che precede la menopausa. In tale lasso di tempo caratterizzato da una scarsità di progesterone i cicli mestruali cominciano a divenire irregolari: o brevi e ravvicinati o lunghi e distanziati e contemporaneamente insorgono una serie di disturbi sia di natura organica che psicologica.

I disturbi psicologici possono così raggrupparsi:

  • disturbi del sonno,
  • irritabilità,
  • ansia.

I disturbi fisici sono:

  • aumento dell'appetito e conseguente aumento ponderale,
  • disturbi del ciclo mestruale con aumento dei problemi correlati alla così detta sindrome premestruale (dolore al seno, dolori addominali,
  • ritenzione di liquidi, affaticabilità),
  • incontinenza urinaria,
  • bruciori all'apparato urogenitale,
  • difficoltà dei rapporti sessuali per secchezza della vagina.

La diagnosi di premenopausa può farsi soltanto dopo un dosaggio dell'ormone ipofiseo TSH ed è a cura del ginecologo che stabilisce anche la terapia che generalmente è di somministrazione degli ormoni carenti. Somministrazione che può avvenire in vari modi (compresse, gel locali o cerotti).

Piccoli accorgimenti che possono anche se marginalmente migliorare la situazione sono:

  • ridurre il fumo,
  • praticare una adeguata attività fisica,
  • consumare cereali integrali e legumi che contengono filo estrogeni.

Torna alla home di Medicina

Torna su