Reumatismi sintomi.

Reumatismi sintomi

Nell’articolo forniremo una descrizione per quel che è possibile dei sintomi dei reumatismi: un insieme di patologie molto numerose (oltre 120) ed anche molto comuni. Patologie che pregiudicano pesantemente la qualità della vita di chi ne soffre arrecando nello stesso tempo gran danno alla collettività sia in termini di spese a carico del servizio di Sanità pubblica che di monte ore di lavoro perso per malattia.

Cosa sono i reumatismi?

Con questo nome o anche col nome di artrite, dolore osseo, etc. viene indicata una vasta categoria di malattie (come abbiamo detto più di 120) il cui tratto che le accomuna e caratterizza è l’interessamento e la compromissione delle articolazioni. Anche se in molte di esse sono interessati numerosi altri organi e tessuti come: muscoli, tendini, cuore, reni etc. Tutte queste malattie essenzialmente molto diverse tra loro sia per sintomi che per eziologia sono note con terminologia scientifica come malattie reumatiche.

Le malattie reumatiche possono avere un andamento sia acuto che cronico e si suddividono in due grandi categorie:

  • Infiammatorie.
  • Degenerative.

Per chiarire la differenza tra le due categorie facciamo il pratico esempio di due malattie tra le più note: l’artrite e l’artrosi.

Entrambe interessano le articolazioni ma mentre l’artrite appartiene alla categoria delle infiammatorie l’artrosi invece a quella delle degenerative.

L’artrosi è un processo degenerativo delle cartilagini articolari che si usurano e a lungo andare si distruggono. Essa è perciò tipica dell’età matura. L’articolazione (di norma quelle che sostengono un carico rilevante: colonna vertebrale e ginocchia) perde il cuscinetto che l’ammortizza e le teste ossee iniziano a sfregare tra loro deteriorandosi.

L’artrite è invece un processo infiammatorio in cui può essere coinvolto anche il sistema immunitario che attacca l’articolazione partendo dalla membrana sinoviale che racchiude il liquido che la nutre e lubrifica. Per effetto di tale processo la giuntura si compromette e degenera.

I sintomi e segni dei reumatismi.

Trattandosi di un gran numero di malattie anche molto differenti tra loro i sintomi non sono facilmente raggruppabili.

Comune a tutte però sono:

  • Il dolore. Talvolta tanto insopportabile da impedire ogni movimento che è localizzato nell’articolazione ma che può interessare anche muscolatura e tendini limitrofi.
  • La rigidità. Rigidità che risulta massima appena svegli o dopo un lungo riposo. E che si scioglie man mano col procedere delle quotidiane attività. Essa conferisce ai malati una pesantezza dei movimenti che negli anziani può divenire pericolosa procurando sbandamento e cadute.

A tali sintomi si aggiungono alcuni segni clinici obiettivi come:

  • Deformità e tumefazione. Dell’articolazione e dei tessuti molli circostanti.
  • Arrossamento.
  • Aumento della temperatura nell’area interessata.

Domande frequenti.

D. A chi bisogna rivolgersi quando compaiono i sintomi dei reumatismi.

R. Lo specialista è il reumatologo.

D. E’ possibile una completa remissione dei sintomi dei reumatismi.

R. No. Ma con un precoce intervento di uno specialista ed un corretto stile di vita (giusta alimentazione per tenere il peso sotto controllo ed una adeguata attività fisica) è possibile mantenere la sintomatologia sotto controllo e godere di una soddisfacente qualità di vita anche in età avanzata.

Torna alla home di Medicina

Torna su

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti: