VES alta.

VES alta

    Indice Articolo:

  1. Cosa è una velocità di Eritrosedimentazione alta
  2. Cosa indica?
  3. Possibili cause
  4. La diagnosi
  5. Trattamento in caso di VES alta
  6. Opinioni e commenti

Una VES alta implica un riscontro dei valori della velocità di eritrosedimentazione, ottenibili tramite analisi del sangue, superiori ai valori limite riportati in tabella tenendo ovviamente conto di sesso ed età.

I valori ritenuti fisiologici per la VES sono riportati nella tabella che segue.

Per appurare in maniera facile se i riscontri all’analisi del sangue sono realmente elevati si applica la semplice formuletta empirica nota come come formula di Miller.

Secondo tale formula deve risultare:

VES (mm/h) < Età espressa in anni /2 per gli uomini

VES (mm/h) < Età espressa in anni + 10/2 per le donne.

In virtù di tutto ciò un uomo di 57 anni avrà una VES elevata se questa misurata con una analisi del sangue fornirà valori superiori a 57/2 mm/h= 28,5 mm/h

  Età VES in millimetrI/ora
Neonati   VES < 2 mm/h
Uomini Tra 20 e 50 anni

Tra 50 e 70 anni

VES < 15 mm/h

VES < 20 mm/h

Donne Tra 20 e 50 anni

Tra 50 e 70 anni

VES < 22 mm/h

VES < 30 mm/h

Cosa vuol dire avere una VES alta.

VES è l’acroninimo della locuzione Velocità di Eritrosedimentazione. Essa è, perciò, una analisi ematica che misura la velocità con cui le cellule figurate del sangue e in particolare gli eritrociti (globuli rossi), che sono la maggioranza, sedimentano.

La VES misura la velocità con cui, in assenza di coagulazione, i globuli rossi si depositano sul fondo di una provetta tenuta in posizione verticale separandosi dal plasma in cui sono disciolti. La separazione avviene essenzialmente per effetto della forza di gravità e procede tanto più rapidamente quanto più consistenti e veloci sono gli aggregati di globuli rossi che si formano. In condizioni normali gli eritrociti sono dispersi nella soluzione acquosa costituita dal sangue per effetto delle forze elettrostatiche di repulsione reciproca dovute alla carica di membrana negativa che recano. La velocità con cui si aggregano e successivamente precipitano sul fondo è influenzata oltre che dal volume dei globuli rossi rapportato al volume totale (Ematocrito) dalla concentrazione di alcune proteine che a loro volta sono disciolte nel sangue.

Con più precisione la VES aumenta al diminuire dell’ematocrito ed aumenta all’aumentare della concentrazione nel siero di particolari proteine.

Le Proteine che determinano aumento della VES sono molteplici ma tra esse quelle che maggiormente la condizionano sono: fibrogeno (glicoproteina progenitrice della fibrina essenziale peri processi di coagulazione) e la proteina C reattiva (sintetizzata dal fegato durante i processi di flogosi). Dette proteine, infatti, attenuando le forze coulombiane repulsive tra i globuli rossi, ne favoriscono l’aggregazione e conseguentemente la sedimentazione.

Cosa indica un valore di VES superiore al limite fisiologico?

Chiariamo prima di ogni cosa che un valore elevato di VES è un sintomo assolutamente aspecifico. Ovvero che in se è un dato assolutamente generico e poco significativo se non accompagnato da altri sintomi. Infatti un aumento della VES può essere determinato da una gran quantità di cause e di queste molte non hanno assolutamente carattere patologico. Ossia non necessariamente una VES elevata è collegata ad malattia in atto. Inoltre valori di VES fisiologici non attestano con certezza che il soggetto è immune da patologie che potrebbero essere anche gravi.

Questo perché, considerando il caso di una infiammazione che è la situazione più frequente, intercorre un un certo numero di giorni (anche settimane) tra l’inizio della flogosi e l’aumento della VES e alla stessa maniera può aversi VES elevata anche molti giorni dopo l’avvenuta guarigione.

Alla luce di tutto ciò è quindi lecito chiedersi se la determinazione della VES non sia un test sorpassato e quanto realmente risulti utile. In realtà la VES è un test semplice ed economico che permette di appurare se qualcosa non funziona nel nostro corpo ed in qualche maniera quanto può essere grave il danno in atto. Nulla naturalmente ci dice in merito al tipo di danno e per stabilire, e decidere che fare per rimediare, ciò occorrono una serie di indagini accessorie nonchè un attento esame di altri sintomi presenti e della storia clinica del paziente.

Cause di VES elevata.

Come già ampiamente accennato le cause di VES elevata sono molto numerose. Nel seguito riportiamo una buona parte di quelle più comuni raggruppandole nella tabella con relativi parametri correlati, che costituisce anche un esempio diagnostico.

Causa Valori della VES Altri valori
Anemia da carenza marziale 20< VES< 50 mm/h Emoglobina < 12-13 g/dL, Sideremia bassa, Ferritina bassa
Gravidanza 20< VES< 50 mm/h Positività al test di gravidanza, Amenorrea.
Mestruazioni 20< VES< 50 mm/h  
Post parto 20< VES< 50 mm/h  
Allergie 20< VES< 50 mm/h Positività al RAST Test per la ricerca delle IgE
Artrosi (malattia degenerativa delle articolazioni) 20< VES< 50 mm/h Deformazione dei capi ossei dell’articolazione rilevabile ai raggi X
Infiammazione della colecisti 20< VES< 50 mm/h Dolori all’addome, Febbre
Colite ulcerosa (infiammazione cronica dell’intestino a eziologia genetica) 20< VES< 50 mm/h Febbre, Diarrea, Sanguinamento intestinale e anemia, Ipokaliemia
Gotta (malattia metabolica caratterizzata da uricemia elevata) 20< VES< 50 mm/h Urato nel liquido sinoviale, Calcolosi e compromissione renale, alto livello acido urico.
Febbre reumatica (malattia infiammatoria acuta susseguente ad infezione della faringe da streptococco di tipo A) 50< VES< 90 mm/h Positività al tampone faringeo per lo streptococco, Positività al Titolo Antistreptolisinico o TAS
Glomerulonefrite (malattia infiammatoria renale). Può essere associata a diabete o al Lupus eritematoso o alla vasculite patologie comune a base autoimmune. 50< VES< 90 mm/h Insufficienza renale, Ipoalbuminemia, Ipertensione, Ematuria
Ictus cerebrale 50< VES< 90 mm/h  
Artrite reumatoide (infiammazione di almeno 4 articolazioni a carattere cronico genetico) VES > 50 mm/h Positività al fattore reumatoide nella maggior parte dei casi, PCR alta, Febbre, Globuli bianchi bassi
Infarto del miocardio 50< VES< 90 mm/h  
Mononucleosi (infezione da virus di Epstein Barr) 50< VES< 90 mm/h Febbre, linfonodi ingrossati del collo, Faringite, Milza ingrossata, Transaminasi alte, Globuli bianchi alti
Morbo di Crohn (malattia infiammatoria cronica dell’intestino a carattere autoimmune 50< VES< 90 mm/h Diarrea, Febbre, Fistole, Sangue nelle feci, Dimagrimento
Tubercolosi (infezione batterica del bacillo di Koch) 50< VES< 90 mm/h Sintomatologia molto varia in funzione degli organi interessati dall’infezione
Linfomi (Tumori del tessuto linfatico) VES>50 mm/h Linfonodi ingrossati, Globuli bianchi alti, Febbricole, Sudorazioni notturne
Ascessi dentali, etc.(accumulo di pus per infezione di streptococchi o stafilococchi) Ves>90 mm/h Infiltrazione di leucociti neutrofili e cellule necrotiche
Polmonite (infezione virale o batterica dei polmoni Ves> 90 mm/h Febbre, Tosse, difficoltà respiratorie.
Leucemie (famiglia di malattie neoplastiche connotate dalla proliferazione tumorale della cellula staminale emopoietica) Ves> 90 mm/h Globuli bianchi bassi, Anemia per ridotto numero di globuli rossi, Piastrinopenia
Osteomielite (processo flogistico dell’intero apparato osteo articolare procurata da infezione di vari batteri) Ves> 90 mm/h Febbre, Dolori, Proteina C reattiva elevata, Tumefazione articolare
Tromboflebite (infiammazione dei vasi venosi superficiali con formazioni di trombi) Ves> 90 mm/h Edema, Arrossamenti della cute, Dolore e pesantezza degli arti
Meningite (Infiammazione delle membrane che rivestono il cervello) Ves> 90 mm/h Febbre, Cefalea, Dolori muscolari, Alterazione della coagulazione, Alterazione della coscienza
Uremia (Ultimo stadio della insufficienza renale con accumulo di urea) Ves> 90 mm/h Vomito, Perdita di peso, Anemia, Ritenzione di liquidi, Ipocalcemia, Ipofosforemia, Anomalo ritorno del flusso ematico al cuore per accumulo di liquidi nel muscolo
Mieloma multiplo (proliferazione tumorale delle plasmacellule del sistema immunitario) Ves> 90 mm/h Globuli bianchi bassi, Globuli rossi bassi, Piastrine basse,Distruzione del tessuto osseo

Cosa fare nel caso di VES alta.

Se si accerta un valore di VES elevato e non sono presenti ulteriori sintomi ne è possibile configurare una patologia associata al disturbo non è necessario procedere immediatamente ad ulteriori indagini che sono complesse e costose. E’ preferibile perciò ripetere il test dopo un po’ di giorni, perché potrebbe trattarsi di un processo infiammatorio già guarito che si trascina dietro ancora per qualche giorno valori alterati del parametro. Se ad una analisi successiva il valore elevato si ripresenta allora occorre procedere con indagini successive e più specifiche, rivolgendosi al proprio medico per scoprire cosa fare.

Approfondisci come si innesca la flogosi che è un sistema di difesa del sistema immunitario.

Trattamento della VES alta.

Il trattamento della VES alta presuppone una corretta diagnosi dell’eventuale patologia che la induce e se possibile la sua eliminazione. Nel caso in cui i valori di VES elevata hanno una natura non patologica (post partum, mestruazioni, etc.) non si richiede alcuna terapia.

Torna alla home di Medicina

Indice Articolo: