Colluttorio

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Oltre all'utilizzo di normali strumenti, per eliminare del tutto la placca batterica, è utile l?utilizzo di un colluttorio. Vediamo come sono composti i disinfettanti del cavo orale e se sono efficaci per prevenire l'insorgere delle patologie.

Spazzolino, dentifricio, filo interdentale e colluttorio sono gli alleati per combattere carie e parodontite, i peggior nemici della nostra dentatura. Colpiscono con percentuali elevatissime individui di ogni parte della terra dai paesi industrializzati a quelli in via di sviluppo.

 

La carie è una degenerazione dei tessuti duri dei denti ossia smalto e dentina. L’attacco della carie inizia in superficie e continua, se non curata, fino al raggiungimento della polpa. La parodontite o più comunemente piorrea è invece un’infiammazione della gengiva che ne determina ritrazione e formazione di tasche intorno ai denti, provocando ipermobilità degli stessi e nei casi gravi parziale distruzione dell’alveo dentario con conseguente ed inevitabile caduta del dente.

 

Entrambi gli inconvenienti descritti hanno un comune denominatore: la presenza della placca dentale. La placca dentale è una sottile pellicola composta da residui alimentari, componenti della saliva, prodotti del metabolismo dei batteri contenuti nel cavo della bocca, cellule di sfaldamento delle mucose. Al momento del deposito la placca è asettica cioè priva di batteri. Successivamente però la sua matrice viene colonizzata dai batteri presenti in grande abbondanza nel cavo orale.

 

Se la placca non è rimossa completamente dopo alcuni giorni si calcifica formando il tartaro. La placca calcificata preserva i batteri che ne costituiscono circa il 70/80 % e questi a diretto contatto con smalto e gengive iniziano l’attacco. Per evitare quanto sopra descritto risulta fondamentale una corretta igiene orale.

 

Ma talvolta, nonostante l’utilizzo di normali strumenti, non si riesce ad eliminare del tutto la placca batterica per cui risulta utile l’utilizzo di un colluttorio. I colluttori sono soluzione acquose di disinfettanti del cavo orale a cui si aggiungono oli essenziali e rinfrescanti per l’alito come menta o clorofilla. Il loro uso quotidiano unitamente ad una corretta igiene orale aiuta a prevenire l’insorgere delle patologie suddette. I colluttori generalmente si distinguono colluttori da toletta che sono fondamentalmente dei rinfrescanti per l’alito con blande caratteristiche disinfettanti. E veri colluttori che in base al principio attivo che contengono sono al fluoro od alla clorexidina. Quelli al fluoro si usano in caso di denti sensibili, problemi allo smalto, ortodonzia in fase iniziale. Quelli alla clorexidina essendo fortemente disinfettanti si usano in caso di placca tenace, afte e in seguito ad estrazioni od interventi chirurgici del cavo orale.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI