Diabete gestazionale: valori, sintomi, terapia, dieta e rischi per la gravidanza

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Approfondiamo i sintomi con cui si manifesta ed i rischi del diabete gestazionale, disturbo che insorge durante la gravidanza per una intolleranza al glucosio causata da ormoni secreti dalla placenta. Terapia e prevenzione sono legate alla dieta alimentare: è importante sapere cosa mangiare e quali sono gli alimenti da evitare per minimizzare i rischi di questa patologia molto frequente nelle delle che hanno superato i 35 anni e con casi di diabete in famiglia.

    Indice Articolo:
  1. Cos'è?
  2. Patogenesi e diffusione
  3. Fattori di rischio
  4. Rischi per il bambino
  5. Complicanze per la madre
  6. Diagnosi
  7. Sintomi
  8. Prevenzione e terapie
    1. L'alimentazione
    2. Cosa mangiare e cosa non mangiare
    3. Esempio di dieta
    4. Terapia farmacologica
    5. Medicina alternativa
  9. Domande frequenti

Cos'è il diabete gestazionale?

Per comprendere cosa sia il diabete gestionale bisogna prima di ogni cosa spendere qualche parola per chiarire il funzionamento del metabolismo degli zuccheri. Gli zuccheri costituiscono il combustibile del motore del nostro organismo:tutte le innumerevoli cellule che costituiscono il nostro corpo ricevono nutrimento ed energia dagli zuccheri che ingeriamo cibandoci. Giunti nell’intestino, questi vengono assorbiti dalla mucosa e passano nel sangue che ha il compito di smistarli alle cellule di tutti gli organi e tessuti per fornire loro nutrimento. Il trasferimento degli zuccheri alle diverse cellule è regolato da un ormone che viene prodotto dal pancreas: l’insulina. Se il tasso di insulina nel sangue è al giusto livello si ha un corretto assorbimento di zuccheri da parte delle cellule e nel sangue si misura la giusta concentrazione glicemica (di zuccheri). Un innalzamento della quantità di insulina produce un aumento del trasferimento di zuccheri alle cellule ed una diminuzione del tasso glicemico nel sangue (ipoglicemia). Viceversa una diminuzione di insulina provoca un aumento della concentrazione di zuccheri nel sangue (iperglicemia) con conseguente diminuzione del nutrimento delle cellule. Il diabete è una patologia che altera il meccanismo descritto. Possiamo avere fondamentalmente 2 tipi di diabete. Il diabete di tipo I è caratterizzato da una mancanza totale di insulina. Esso è infatti una malattia auto immune per cui il sistema immunitario, riconoscendole come nemiche, distrugge completamente le cellule del pancreas. Il diabete di tipo II è caratterizzato da un basso tasso di insulina e dalla inadeguatezza di questa a svolgere la sua naturale funzione. Il diabete gestazionale è del tipo II. Viene ovviamente così appellato perché si verifica in gravidanza e generalmente regredisce con la nascita del bambino. In alcuni casi però pur regredendo al termine della gravidanza si ripresenta e stabilizza con l’aumentare degli anni.

Patogenesi e diffusione della malattia.

Il diabete gestazionale per definizione è un’alterata tolleranza al glucosio che si verifica durante la gravidanza ed è quindi una patologia legata all’aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Tale forma di diabete è provocato da un ormone prodotto dalla placenta chiamato Lattogeno Placentare che interferisce con l’azione dell’insulina. La forma gestazionale quindi può essere definita “fisiologica” tanto che tale azione dell’ormone lattogeno placentare è contrastata dal pancreas che per ovviare al problema produce maggiori quantità di insulina. Molto spesso però questo incremento di insulina da parte del pancreas non risulta sufficiente a contrastare l’azione dell’ormone lattogeno placentare e questo si traduce in una ridotta tolleranza al glucosio con conseguente aumento della glicemia. La comparsa del diabete gestazionale si ha intorno al secondo trimestre e termina di solito al momento del parto, in quanto la concentrazione di ormone lattogeno placentare decade molto rapidamente nella fase dopo il parto facendo in modo che i valori della glicemia tornino nella norma. Il diabete gestazionale è una patologia molto diffusa, le statistiche stimano che una donna su sette è a rischio di sviluppare tale patologia e che la malattia ha una frequenza che varia dal 2 al 4%. La diffusione inoltre è legata anche alle etnie, risulta, infatti, poco diffuso nella razza caucasica e molto diffuso nelle popolazioni asiatiche e del continente indiano. La malattia inoltre è poco frequente in gestanti la cui età è inferiore ai 25 anni, mentre è molto frequente sopra i 35 anni, ma ultimamente anche a causa delle abitudini alimentari e dello stile di vita sedentario, l’incidenza della malattia è aumentata sensibilmente in tutti i gruppi etnici.

Quali sono i fattori di rischio che aumentano la possibilità di sviluppare diabete gestazionale?

Esistono dei fattori di rischio che predispongono la donna ad ammalarsi di diabete gestazionale. Tra i fattori di rischio abbiamo:

Rischi per il bambino:dalle malformazioni all'obesità.

Il diabete gestazionale può anche provocare aborto o morte del feto nell’ultimo trimestre di gravidanza (morte tardiva del feto) e provocare nel nascituro problemi a volte anche fatali:

Complicanze per la madre.

Il diabete gestazionale può avere delle complicanze molto serie anche per la madre. Sebbene dopo il parto la prognosi è favorevole e si ha la scomparsa totale del diabete, in alcuni casi questo si ripresenta dopo qualche anno come diabete di tipo II. Vi sono inoltre anche delle complicanze a breve termine del diabete gestazionale che coinvolgono sia la ginecologia che l’endocrinologia.

Complicanze di tipo ginecologico: può essere necessario ricorrere ad un parto cesareo per evitare che il passaggio di un bambino macrosomico dal canale del parto provochi delle lacerazioni a livello vaginale.

Complicanze di tipo endocrinologico: le donne affette da diabete gestazionale hanno il rischio di sviluppare ipotiroidismo subclinico (ovvero non manifesto con sintomi specifici) e sviluppo di autoanticorpi diretti contro la tiroide. Il meccanismo non risulta però ben chiaro.

Come si diagnostica? Gli esami necessari ad individuare la presenza di diabete gestazionale.

Per fare diagnosi di diabete gestazionale ci si deve affidare principalmente ad esami di laboratorio che si effettuano normalmente durante il secondo trimestre della gravidanza, intorno alla ventiquattresima settimana. La diagnosi viene essere effettuata mediante test specifici:

Una volta che è stata fatta la diagnosi di diabete gestazionale è prudente effettuare degli esami che riguardino il controllo della crescita e dello stato di salute fetale, quali:

I sintomi.

Il diabete gestazionale è una patologia che nella maggior parte dei casi risulta asintomatica e che viene scoperta durante gli esami che si eseguono normalmente durante una gravidanza. A volte possono manifestarsi dei sintomi poco specifici, come nausea, mal di testa e vomito, segni che sono molto comuni in gravidanza, o dei sintomi tipici del diabete come la poliuria, cioè la tendenza ad urinare spesso, la glicosuria, cioè la presenza di glucosio nelle urine, un aumento eccessivo del liquido amniotico che si riscontra durante un’ecografia, la polidipsia, cioè una sete continua, una continua sensazione di stanchezza e dei rapidi aumenti di peso. Tuttavia essendo nella maggior parte dei casi una patologia non sintomatica riveste un’importanza fondamentale la diagnosi precoce, con esami specifici a scopo preventivo per individuarne subito l’insorgenza.

Prevenzione e cura: come prevenire l'insorgenza del diabete gestazionale con una dieta alimentare adeguata.

La prevenzione del diabete gestazionale, così come la cura, prevedono un’alimentazione sana priva di cibi troppo zuccherini e ricca di fibre e di verdura, e uno stile di vita corretto, supportato da una moderata attività fisica. Se si è in sovrappeso è bene progettare una perdita di peso mediante una dieta adeguata e lo svolgimento di attività fisica regolare. E’ utile per esempio fare dei corsi di ginnastica dolce adeguati al periodo della gravidanza e rivolgersi al proprio ginecologo per sapere quale deve essere il peso forma da raggiungere e mantenere. La dieta per il diabete gestazionale dovrà essere prescritta da uno specialista e deve essere normo calorica per non pregiudicare la crescita del nascituro riducendo però l’apporto di zuccheri primari e secondari. L’andamento della glicemia deve essere costantemente controllato (con stick glicemici) per accertare l’efficacia della terapia.

L’alimentazione nel diabete gestazionale.

Importantissima nella prevenzione e ancor di più nella cura del diabete gestazionale è l’alimentazione della donna. E’ infatti la prima terapia prescritta dal medico quando viene scoperta tale forma di diabete. Vediamo quali alimenti vanno evitati e come strutturare una dieta equilibrata per questo tipo di patologia, tenendo presente che una dieta di questo tipo non deve mai essere inferiore a 1800 – 2000 kcal per favorire il giusto apporto nutritivo alla madre e al bambino. Sconsigliate quindi tutte le forme di digiuno, come per esempio il digiuno terapeutico che a volte si attua in caso di diabete di tipo II.

Alimenti da evitare ed alimenti consentiti.

Per tenere sotto controllo la glicemia attraverso l’alimentazione bisogna limitare il consumo di carboidrati e di alimenti contenenti zucchero. Possiamo strutturare l’assunzione degli alimenti nel seguente modo:

Sono da evitare i cibi zuccherini come il miele, la cioccolata, i dolci, il gelato. E’ bene anche limitare il consumo di carboidrati complessi e ricchi di grassi come la pizza, e il consumo di patate, e di pasta e pane fatti con farina bianca. I carboidrati vanno limitati ma non eliminati in quanto devono fornire circa il 45% delle calorie giornaliere. Tra gli alimenti consentiti quindi figurano pane e pasta ma integrali, e anche legumi e cereali. Non associare nello stesso pasto due alimenti ricchi di amido, come per esempio pane e pasta, per evitare un incremento brusco della glicemia. Per dolcificare gli alimenti, come per esempio il latte, è possibile utilizzare dei dolcificanti come l’aspartame mentre si consiglia di evitare di assumere troppo fruttosio in quanto ha un maggiore potere dolcificante ma causa innalzamento della glicemia.

Sono consentiti, anzi si consiglia di aumentarne il consumo per prevenire fenomeni tipici della gravidanza come la stitichezza, tutti gli alimenti ricchi di fibre come la frutta e le verdure. Importante è nella scelta della frutta evitare la frutta che contiene molto zucchero come i fichi, le banane, i cachi e l’uva e preferire frutta poco zuccherina come mele o arance. Le verdure possono essere tranquillamente consumate sia crude che cotte e, nonostante vi sia una credenza che sostiene che chi è ammalato di qualsiasi tipo di diabete non debba consumare le carote, questo non è affatto vero e possono essere tranquillamente consumate senza esagerare con le quantità. E’ comunque bene prediligere verdure povere di zuccheri come il cavolo verza, gli asparagi, le zucchine e i pomodori.

Per l’assunzione delle proteine è consigliato preferire le carni bianche e il pesce rispetto alle carni rosse per evitare l’aumento del colesterolo. Questo è importante in quanto la dieta per il diabete gestazionale deve tenere sotto controllo anche i grassi poiché l’obesità favorisce la comparsa del diabete.

Va limitato anche l’apporto di grassi, evitando di assumere troppi formaggi e prediligendo formaggi magri come la ricotta, il latte scremato a quello intero per il minore apporto di grassi. Preferire come grasso per condire l’olio extravergine di oliva.

Limitare il consumo di sale sia per evitare la ritenzione idrica sia perché si è visto che esiste una correlazione tra sale e diabete anche se non è ancora chiaro il meccanismo di funzionamento.

Esempio di dieta.

La dieta consigliata in gravidanza anche in caso di diabete gestazionale deve fornire circa 1800 – 2000 kcal e può essere strutturata in cinque pasti, tre principali e due spuntini.

Colazione - scegliere tra:

Spuntino di metà mattina e pomeriggio, alternare tra mattina e pomeriggio le seguenti proposte:

Pranzo - scegliere tra le seguenti opzioni:

Cena - una delle alternative a scelta tra:

Terapia farmacologica.

Se non si ottiene con la dieta una pronta remissione del tasso glicemico può essere necessario il ricorso ad insulina con dosaggi rigidamente controllati.

I farmaci ipoglicemizzanti orali che si somministrano normalmente in caso di diabete di tipo II sono sconsigliati per il diabete gestazionale poiché potrebbero arrecare dei danni al feto. Si consiglia quindi un trattamento con insulina somministrata per via sottocutanea. Esistono tre tipi di insulina che si utilizzano per la cura di questo diabete:

Medicina alternativa.

Vi sono alcuni rimedi che provengono dall’omeopatia con i quali è possibile fare una cura naturale parallela alla terapia dietetica ed eventualmente farmacologica. I prodotti di erboristeria da prendere in considerazione sono le tisane per esempio a base foglie di noce e baccelli di fagiolo, in quanto contengono delle sostanze leggermente ipoglicemizzanti e gli integratori a base di fibra come per esempio la gomma guar o i semi di psillio che riducono l’assunzione degli zuccheri. Sembra abbiano un’azione ipoglicemizzante anche alcune piante come l’eucalipto, il mirto e la galega officinalis. L’eucalipto contiene sostanze che riducono l’assorbimento degli zuccheri, il mirto invece inibisce gli enzimi deputati all’assorbimento degli zuccheri, mentre la galega officinalis potenzia l’azione dell’insulina.

Domande frequenti:

Il diabete gestazionale si può prevenire ricorrendo alla diagnosi precoce?

Se si rientra nelle categorie a rischio gli esami di routine per la prevenzione del diabete vanno svolti anticipatamente rispetto alla norma.

Il diabete gestazionale si può controllare con l’alimentazione?

Si il diabete gestazionale può essere controllato con l’alimentazione. Se l’alimentazione da sola non basta occorre rivolgersi al proprio ginecologo o all’endocrinologo per stabilire la più adatta terapia insulinica.

Gli esami previsti per chi soffre di diabete gestionale sono a pagamento?

Tutti gli esami previsti per chi soffre di questa patologia hanno l’esenzione del ticket, non è necessario disporre della tessera di esenzione, ma basta la certificazione clinica di gravidanza del proprio ginecologo.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTACI