Tremore alle mani: cause nei giovani e negli anziani e cura

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Si parla di tremore alle mani quando queste seguono un’oscillazione ritmica ed involontaria che va oltre i limiti fisiologici. Le cause sono molteplici: alcune tipiche dell’età giovanile, come l’uso di droga o di alcol, altre dell’età anziana come il morbo di Parkinson. Esaminiamole nel dettaglio analizzando i sintomi correlati necessari per l’individuazione della patologia di base e quindi della cura.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
    1. Tipologie
  2. Cause
  3. Diagnosi
  4. Cure
    1. Trattamenti chirurgici
    2. Rimedi naturali

 Caratteristiche e tipologie del tremore alle mani.

Il tremore alle mani è un’ oscillazione involontaria e ritmica delle mani causata dall’attivazione alternata di due gruppi muscolari che agiscono in contrapposizione, ossia in grado di determinare movimenti diametralmente opposti. Ne scaturisce un andirivieni ritmico delle mani, con una frequenza grosso modo costante ed ampiezza variabile. Condizione che rende difficoltosa anche la banale azione di reggere un bicchiere colmo di acqua senza rovesciarne il contenuto.

Alla base del tremore alle mani possono esservi molteplici patologie e condizioni mediche e quindi in tali condizioni esso costituisce un segno del quadro clinico che si configurerà. Ciò nonostante il più delle volte esso ha però natura fisiologica, infatti, un certo tremore, caratterizzato da ampiezza minima e frequenza elevata (comopresa tra le 10 e le 12 oscillazioni al secondo), non viene neppure percepito se non con opportune strumentazioni. Possono tuttavia verificarsi condizioni, che non hanno necessariamente natura patologica, che lo amplificano e lo rendono evidente, esempi di simili condizioni sono costituite da: situazioni di stress eccessivo, ansia, emozioni violente, fame, etc. Va notato che detta condizione si accentua e diviene sempre più visibile col trascorrere degli anni e l’avvicinarsi della senilità.

Tipologie dell’oscillazione involontaria delle mani.

I criteri di classificazione del tremore alle mani sono svariati.

In funzione dell’occasione in cui si presenta possiamo avere:

In funzione della sua espressione clinica e quindi della sintomatologia con cui si presenta avremo:

Tremore alle mani fisiologico: E’ presente in ogni individuo ed è assolutamente normale. Per le sue caratteristiche non è solitamente percepibile. Può accentuarsi in talune occasioni e divenire avvertibile.Si presenta con:

Tremore cerebellare: Viene anche chiamato tremore delle mani intenzionale. Si scatena al termine di una azione propositiva come ad esempio volersi toccare con un dito la punta del naso e da qui il nome di tremore delle mani intenzionale. E’ comunemente la conseguenza di lesioni o compromissioni del cervelletto causate da traumi, tumori, ictus, malattie neurodegenerative come la sclerosi a placche. E’ un tremore bilaterale e simmetrico a bassa frequenza tra 1 e 4 Hertz generalmente unito ad altri segni come:

Tremore essenziale: E’ la tipologia più comune, il nome deriva dal fatto che inizialmente non era nota la causa. Causa che comunque non è ancora ben nota neanche allo stato attuale. In più del 50% dei casi vi è una familiarità ed un coinvolgimento genetico. Anche se non sono ancora ben chiare quali sono i geni mutati che determinano il disturbo. Frequenza del tremore compresa tra 5 ed 8 Hertz.

Approfondisci come insorge e come si può curare il tremore essenziale.

Tremore parkinsoniano: E’ conseguenza dei danni che il morbo di Parkinson crea alle strutture che sovraintendono ai movimenti coordinati. Frequenza del tremore tra i 4 ed i 5 Hertz.

Puoi approfondire le cause ed i fattori di rischio del morbo di Parkinson.

Tremore psicogeno: E’ causato da problemi di tipo psicologici. E’ infatti spesso associato al disturbo di conversione che un tempo era noto come isteria.

In funzione della frequenza delle oscillazioni possiamo avere:

Cause del tremore nei giovani e negli anziani.

Come già accennato il tremore alle mani può avere alla base numerose malattie e condizioni mediche determinate da circoscritte situazioni che si presentano sia negli individui giovani che negli anziani come conseguenza dell’esasperazione del normale tremore fisiologico.

Di seguito andremo esaminare le più comuni situazioni che lo determinano.

Diagnosi: esame delle condizioni in cui tremano le mani ed indagini differenziate.

Per formulare la diagnosi lo specialista si avvale di:

Come curare il tremore alle mani: farmaci, chirurgia e rimedi naturali.

Il trattamento del tremore alle mani varia al variare della causa che lo determina.

Di seguito riportiamo degli esempi di protocolli farmacologici per alcuni particolari tipologie di tremori alle mani.

Tremore delle mani cerebellare

Etanolo (alcool etilico) che ha un effetto calmante sul sistema nervoso centrale,

Benzodiazepinici, psicofarmaci con proprietà ansiolitiche, anticonvulsive ed ansiolitiche.

Tremore delle mani parkinsoniano

L Dopa che serve a ripristinare i livelli di dopamina nella sostanza nera.

Tremore delle mani essenziale

Beta bloccanti, antiepilettici e tranquillanti per calmare i sintomi neurologici.

Tremore delle mani fisiologico.

Beta bloccanti. Per il trattamento del sintomo.

Eliminazione della causa che ne determina l’esasperazione.

Trattamento chirurgico.

Esistono due distinte tipologie di trattamenti chirurgici per la cura del tremore delle mani: Naturalmente non vanno bene per ogni tipo di tremore alle mani e la loro applicazione va concordata con lo specialista che valuterà attentamente rischi e benefici caso per caso.

I trattamenti sono:

Rimedi naturali.

I rimedi naturali ovviamente hanno una loro efficacia se alla base del tremore non vi è una grave patologia e quindi essenzialmente sui tremori alle mani fisiologici ed essenziali.

Il primo passo da intraprendere è un radicale cambiamento dello stile di vita ossia:

Rimedi casalinghi che invece possono coadiuvare la terapia farmacologica sono:

Un rimedio della medicina tradizionale cinese che è molto utilizzato è anche l’agopuntura.

Comunque sia se si usano degli integratori o farmaci a base di erbe in associazione alla terapia farmacologica è obbligatorio farne menzione al medico curante perchè i principi attivi dei rimedi naturali potrebbero interferire con quelli dei medicinali ed amplificarne e/o depotenziarne gli effetti.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTACI