Dieta per la gastroenterite.

La dieta per la gastroenterite andrebbe bilanciata in funzione del tipo di disturbo gastro enterico e quindi varia con le cause che la hanno provocata. La gastroenterite รจ una infiammazione dello stomaco e contemporaneamente dell?intestino (tenue e crasso). Se tale infiammazione interessa anche il colon allora si parla di gastro enterocolite.

Dieta per la gastroenterite

Cause della gastroenterite.

La gastroenterite può avere cause diversissime. Le più ricorrenti sono:

  • Intolleranza a particolari alimenti.
  • Avvelenamenti dovuti a sostanze tossiche.
  • Avvelenamenti dovuti a cibi avariati. Infezione di batteri di cui i più comuni sono la salmonella, staffilo cocchi, escherichia coli.
  • Infezione virali (Rotavirus, Adenovirus, Calicivirus, Astrovirus).

Le gastroenteriti più frequenti sono quelle virali. Si trasmettono per contatto persona persona o per contatto con oggetti contaminati. I sintomi sono diarrea e vomito più raramente crampi addominali e febbre. La patologia regredisce generalmente dopo qualche giorno e la cura è costituita da riposo e dieta appropriata.

La dieta in questi casi va così articolata:

  • Niente latte e derivati che aumentano la peristalsi (contrazione naturale) dell’intestino e quindi la diarrea.
  • Evitare insaccati e pietanze fortemente speziate e grasse.
  • Frutta e verdura sono da consumarsi con molta parsimonia perché il loro apporto in fibre favorisce la diarrea.
  • Assunzione di grandi quantità di liquidi per riequilibrare la disidratazione provocata da diarrea e vomito.
  • Pomodori, agrumi, peperoni, caffè e bevande gasate aumentano l’acidità della mucosa dell’intestino e pertanto non sono assolutamente permesse.
  • Fermenti lattici e cibi che li contengono (yogurt) vanno costantemente assunti per un periodo di almeno 15 giorni per riequilibrare la flora batterica intestinale.
  • Sono, ugualmente, consigliati, sempre a tale scopo, integratori di vitamina B.

Dieta preventiva: dove e quando è necessaria.

Se la gastro enterite ha una natura batterica occorre assumere antibiotici e per evitarla specialmente nei Paesi dove tale patologia è endemica occorre una dieta preventiva:

  • Consumare solo cibi ben cotti.
  • Bere solo acqua sigillata evitando di consumare ghiaccio.
  • Evitare verdure crude.
  • Lavare e sbucciare con attenzione la frutta.
  • Cuocere le pietanze in modo che tutte le parti superino per alcuni minuti la temperatura di 70°C.
  • Conservare i cibi cotti in frigo e prima di consumarli riscaldarli per diversi minuti.
  • Aver cura di evitare contaminazione tra pietanze crude e cotte.

Approfondimenti:

SU

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Medicina 360, non mostrare più questo box.