Infezione virale

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Approfondimenti sulle infezioni di origine virale per capire cosa sono, come si sviluppano negli organismi colpiti, quali sono i sintomi e quali le cure.

    Indice Articolo:
  1. Cos'è una infezione di origine virale
  2. Contagio da virus
  3. Come si sviluppa
  4. Infezioni virali più comuni
    1. Infezioni alla vie respiratorie
    2. Infezioni virali della pelle
    3. Stomaco ed intestino
    4. Infezioni virali agli organi riproduttivi
  5. Pericolo di tumori
  6. Cure e terapie

Cos’è un’infezione virale.

L’infezione virale è un’infezione determinata da microrganismi infettivi, i virus, che invadono una cellula vivente ed utilizzano i suoi meccanismi per riprodursi.

Il virus è, infatti, un microorganismo le cui dimensioni vanno dai 10 nanometri (0,000000001 metri) a qualche micron (0,0000001 metri) e quindi mediamente 100 volte più piccolo di una comune cellula. Esso ha una struttura tale da dover forzosamente vivere da parassita. Infatti per poter portare a compimento le sue funzioni vitali ha la necessità di colonizzare un organismo ospite, perché gli mancano le organizzazioni biochimiche che sovraintendono alla replicazione. I virus, perciò, attaccano le cellule degli organismi viventi, le invadono e colonizzano. Una volta penetrati all'interno di una cellula liberano il loro patrimonio genetico costituito da DNA o RNA, che assume il controllo della cellula ospite e la obbliga a replicare il virus.

Di norma, per effetto di questo processo, la cellula, non potendo più svolgere le sue naturali funzioni, muore (apoptosi) ma prima libera i virus replicati che così passano ad infettare nuove cellule. In tal modo si scatena e prolifica l’infezione. Esistono però delle categorie virali che invece di uccidere la cellula ospite ne modificano le sue caratteristiche e funzioni. Può capitare così che l’ospite non riesca più a controllare la naturale divisione cellulare e si trasformi in una cellula tumorale. Può capitare ancora che il virus dopo l’infezione lasci il patrimonio genetico in quiescenza all’interno della cellula. E se dopo qualche tempo, per un qualsivoglia evento, l’equilibrio raggiunto si perturba il virus si ridesta. Inizia così nuovamente a replicarsi e a scatenare una ricaduta della malattia.

Come avviene il contagio da virus.

Il contagio avviene quando il virus riesce a penetrare nel corpo superando le sue naturali barriere difensive. Una volta nel corpo esso può proliferare nel punto dove è avvenuto l’ingresso o mediante il circolo sanguigno e/o linfatico raggiungere un organo bersaglio ed attaccarsi alle cellule di questo. Un ruolo importante lo gioca ovviamente anche il modo con cui avviene la trasmissione. Le modalità sono svariate. Le più comuni sono:

Come si sviluppa l’infezione virale.

L’evoluzione dell’infezione virale dipende da vari parametri e con precisione:

Una volta che l’infezione è avvenuta si innesca la risposta del sistema immunitario che può portare a tre diverse condizioni:

Se si riesce a superare l’infezione ed a guarire i linfociti conservano memoria dell’intruso. Di conseguenza se lo stesso patogeno in futuro ricompare essi sono in grado, sulla scorta della precedente esperienza, di organizzare le contromisure in maniera rapida ed efficiente ed eliminare rapidamente la nuova minaccia. Questo meccanismo viene denominato immunità.

E' importante notare che esso costituisce la base di funzionamento dei vaccini. Questi infatti sono costituiti da virus inattivati o parti di essi e quindi non in grado, se inoculati, di scatenare una vera infezione, ma risultano egualmente utili al sistema immunitario per schedare il patogeno ed a sviluppare anticorpi che gli consentiranno poi di individuarlo immediatamente e debellarlo ad un suo successivo attacco.

Le infezioni virali più comuni.

Ogni virus infetta generalmente un particolare tipo di cellula, ad esempio quelli del raffreddore penetrano nelle cellule dell’apparato respiratorio, i virus della rabbia e dell’encefalite infettano le cellule del sistema nervoso centrale. Riportiamo di seguito le infezioni virali più frequenti selezionandole in funzione dell’apparato interessato.

Infezioni virali delle vie respiratorie.

Sono certamente le più frequenti ed interessano il naso e le cavità nasali, la gola e le vie aeree superiori e quelle inferiori. I virus che con maggior frequenza colpiscono questo apparato sono:

Le infezioni virali delle vie aeree superiori sono più comuni negli adulti mentre invece in neonati e bambini sono più frequenti le infezioni virali delle vie aeree inferiori e quindi laringiti che sono frequentissime nei neonati, tracheiti, bronchiti e polmoniti.

Infezioni virali della pelle.

 Le malattie di origine virali che interessano la pelle sono numerosissime molte di loro colpiscono per lo più le fasce di età dell’infanzia come ad esempio: il morbillo, la varicella, la rosolia, la parotite, le verruche. In questo ambito hanno particolare rilievo le infezioni da Herpes virus a cui appartiene il virus della varicella Herpes Zoster.

Ne sono noti 8 distinti tipi numerati da 1 ad 8. Particolarmente frequenti sono le infezioni di 2 particolari herpes virus: quello di Epstein-Barr che provoca la mononucleosi ed il Citomegalovirus. L’Herpes virus 8 causa un tumore nei pazienti immunodepressi affetti da AIDS. Alcune delle infezioni virale descritte sono molto pericolose in gravidanza (rosolia e da citomegalovirus) perché possono con elevata probabilità causare malformazioni fetali ed aborti. Gli Herpes virus danno luogo ad infezioni croniche. I virus infatti rimangono a vita nel corpo dell’ospite in forma latente. Ma in talune occasioni possono riattivarsi e provocare ricadute. Esempio tipico è quello dell’Herpes zoster che provoca la varicella. Da cui si guarisce facilmente ma il virus latente si annida nei gangli nervosi del rachide in prossimità del midollo e talvolta si ridesta provocando una infiammazione della terminazione nervosa con dolori fortissimi che si accompagnano ad un rash cutaneo che è noto come Fuoco di S. Antonio.

Infezioni virali dell’apparato gastroenterico: esofago, stomaco ed intestino.

I virus maggiormente coinvolti nelle infezioni gastrointestinali sono i Rotavirus ed il virus dell’epatite A, i Norwalk virus. I Rotavirus si trasmettono per via oro fecale e colpiscono con più frequenza bambini ed adolescenti e sono responsabili di un quadro clinico prettamente gastro enterico e perciò si manifestano con sintomi tipici dei disturbi allo stomaco ed all'intestino quali: nausea, vomito, dolori addominali e diarrea. I virus dell’epatite A si trasmettono per consumo di alimenti contaminati. I Norwalk virus si trasmettono per via oro-fecale ma anche per inalazione per via respiratoria e provocano sindromi simil influenzali con coinvolgimento dell’apparato digerente e quindi con diarree e vomito.

Infezioni virali agli organi riproduttivi: utero, ovaie e testicoli.

I virus che colpiscono gli organi riproduttivi maschili e femminili e quindi esterni ma anche quelli interni utero quali ovaie e testicoli sono gli Herpes Virus Simplex o HSV, gli Human Papilloma Virus o HPV e gli Human Immunodeficiency Virus o HIV, gli HBV e HCV. Gli HSV provocano vescicole ai genitali, dolori e difficoltà ad urinare. Gli HPV sono quasi del tutto asintomatici e si accompagnano soltanto a piccole lesioni dei genitali che però possono degenerare in lesioni cancerogene. Discorso a parte merita l’HIV che è il famigerato virus che provoca la sindrome da immunodeficienza acquisita che compromette in maniera severa l’efficienza del sistema immunitario e lascia l’organismo in balia di qualsiasi aggressione.

Gli HBV e HCV sono virus che hanno come organo bersaglio il fegato ma si trasmettono attraverso rapporti non protetti e provocano epatite virale B e C. Le infezioni virali dell’apparato genitale sono particolarmente temibili in gravidanza perché possono causare aborto spontaneo e malformazioni fetali.

Infezioni virali e tumori.

Alcuni tipi di virus come già accennato non uccidono la cellula ospite ma ne alterano il suo DNA. Tutto ciò fa si che essa in futuro possa degenerare e dar luogo a tumori. I principali tipi di virus a cui si riconosce detta capacità sono:

Come si curano le infezioni virali.

I farmaci utilizzati per contrastare le infezioni virali vengono chiamati appunto antivirali.

Essi agiscono bloccando il processo di replicazione del virus responsabile dell’infezione. Ma, poichè i virus per replicarsi sfruttano le strutture metaboliche della cellula che hanno infettato, il campo d’azione di tali farmaci d’azione è particolarmente ridotto in quanto le strutture contro cui possono essere indirizzati sono numericamente limitate.

Inoltre essi risultano di elevata tossicità oltre che per l’agente virale anche per le cellule del corpo. Tutto questo fa sì che i farmaci antivirali siano molto difficili da svilupparsi e da usarsi. Ed a rendere ancora più ingarbugliata la matassa si aggiunge anche la caratteristica dei virus di sviluppare con facilità resistenza ad essi. I farmaci antivirali riducono la durata dei sintomi e tra i più utilizzati vi sono:

La miglior cura perciò nelle infezioni virali rimane la prevenzione che è basata sul vaccino quando questo esiste. Ma anche questa arma di cui si è precedentemente descritto il meccanismo riesce di difficile uso data la rapidità di alcuni virus a mutare. Un esempio tipico è fornito dal virus dell’influenza che muta talmente in fretta che ogni anno si presenta per una nuova epidemia con ceppo totalmente nuovo, e costringe ad approntare un nuovo tipo di vaccino per contrastarlo.

E’ assolutamente inutile assumere antibiotici nelle malattie provocate da virus. Gli antibiotici hanno effetto sui batteri. E devono usarsi solo in particolari occasioni e su prescrizione del medico se questi ritiene che all’infezione virale si sia sovrapposta una batterica secondaria.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI