Mal di gola

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Il mal di gola è un disturbo comunissimo; è infatti una delle principali cause di cure mediche all'insorgere dei primi freddi nella stagione invernale. E' un disturbo legato a moltissime patologie che normalmente non ha bisogno di cure, se non riposo e qualche farmaco per placare il dolore e eliminare qualche linea di febbre che spesso accompagna l'irritazione delle alte vie respiratorie.

    Indice Articolo:
  1. Cos’è?
  2. Cause
  3. Patologie virali
    1. Faringiti
    2. Raffreddore
    3. Influenza
    1. Malattie esantematiche
    2. Mononucleosi
    3. Citomegalovirus
  4. Patologie batteriche
    1. Infezioni streptococciche.
    2. Infezioni pneumococciche
    3. Infezione da Haemophilus influenzae
    4. Gonorrea
    5. Infezione da Pseudomonas aeruginosa
    6. Infezioni stafilococciche
    7. Pertosse
  5. Altre cause
    1. Esofagite
    2. Tumore alla gola
    3. Allergie
  6. Fattori di rischio
  7. Sintomi
  8. Complicanze
    1. Otite
    2. Febbre reumatica
    3. Glomerulonefrite
    4. Milza
  9. Diagnosi
  10. Che fare? Come curarlo?
  11. Farmaci
  12. Rimedi della nonna
    1. Suffumigi
    2. Gargarismi
  13. Rimedi naturali
    1. Limone
    2. Propoli e miele
    3. Pompelmo
    4. Zenzero
  14. Durata

Cos'è il mal di gola?

Il mal di gola può essere definito come la sensazione dolorosa che si avverte alla gola per effetto di:

Per tale motivo il mal di gola non è in se una patologia ma è piuttosto o il sintomo di una preesistente malattia o un comune disturbo delle mucose. 

Quali sono le cause del mal di gola? Virus e batteri ed altro...

Una usuale classificazione del mal di gola viene fatta in funzione delle cause che lo determinano. Esso, infatti, si manifesta come sintomo di un’infezione virale quale la faringite, o batterica, come la tonsillite che sono le due più frequenti cause del mal di mal di gola. Spesso però il mal di gola si trova in un ambito di un’infezione più generalizzata che interessa l’intero apparato respiratorio nel quadro di un episodio influenzale accompagnato da febbre tosse e raffreddore. Individuare con precisione se si è in presenza di un’affezione o dell’altra è estremamente importante perché i trattamenti terapeutici sono totalmente diversi.  

Patologie di origine virale.

Le principali malattie di origine virale che hanno come sintomo il mal di gola sono:

Faringite.

La faringite è un’infiammazione della faringe e talvolta delle tonsille che ha, generalmente, come causa o un’infezione virale o un’infiammazione prodotta dal reflusso di acidi gastrici (reflusso esofageo). La maggior parte delle faringiti è causata dai virus che causano il raffreddore. Poco frequentemente la faringite può essere causata da streptococchi.

Approfondisci i sintomi della faringite.

Raffreddore comune.

Il comune raffreddore è un’infezione dello strato superficiale del rivestimento del naso causato dal diverse categorie di virus, di cui i più frequenti sono i rinovirus di cui ne sono noti almeno 100 sottotipi diversi.

Influenza.

L’influenza è un’infezione dei polmoni o delle vie aeree dovuta ad uno dei virus influenzali. Tali virus sono di tipi e sottotipi diversi che mutano continuamente subendo dei cambiamenti. E’ per tale motivo che ogni anno occorre un vaccino diverso per fornire immunità

Malattie esantematiche.

Le malattie esantematiche hanno come sintomo caratteristico, insieme al mal di gola, l’esantema che è un rash cutaneo. Le principali sono: morbillo, dovuto ad infezione di Paramyxovirus, e varicella causata dall’infezione di Herpes zoster.

Mononucleosi.

Nota anche come malattia del bacio  la mononucleosi è causata da infezione del virus di Epstein-Barr. La malattia si presenta con sintomi simili a quelli del raffreddore, ma talvolta può manifestarsi con sintomi più gravi come ingrossamento dei linfonodi e ingrossamento della milza.

Infezione da citomegalovirus.

Nelle persone normali il citomegalovirus provoca affezioni molto lievi alla gola con sintomi di tipo influenzali e quindi anche mal di gola. Ma negli individui immunodepressi come quelli affetti da virus HIV (quello della temibile AIDS) provoca invece un serio mal di gola cronico.

Mal di gola di origine  batterica.

Le infezioni batteriche sono più temibili di quelle virali e le principali sono: 

Infezioni streptococciche.

Le infezioni streptococciche sono causate da vari tipi di patogeni che provocano varie patologie quali la faringite streptococcica che è la più comune e la scarlattina, malattia esantematica, comunissima nei bambini in età scolare.

Infezioni pneumococciche.

Le infezioni pneumococciche sono causate dal batterio Chlamydophila pneumoniae. Il batterio generalmente infetta i polmoni ed è responsabile di polmoniti ma può causare anche, in special maniera in individui debilitati ed in anziani,  faringiti, otiti, sinusiti e, raramente infezioni delle valvole cardiache e delle articolazioni

Infezione da Haemophilus influenzae.

L’ Haemophilus  è un batterio che generalmente causa l’otite, ma può provocare infezioni di varia gravità in qualsiasi parte del corpo. L’infiammazione  provocata da questo batterio è molto comune nei bambini che vengono perciò vaccinati per prevenire la meningite.

Gonorrea.

La gonorrea è una malattia che si trasmette per via sessuale causata dal batterio Neisseria gonorrhoea, che può causare anche gravi infezioni della faringe e quindi mal di gola.

Infezione da Pseudomonas aeruginosa.

Lo pseudomonas è un batterio che provoca otiti e broncopolmoniti ma che può anche causare tracheiti e tracheobronchiti che si accompagnano a mal di gola. 

Infezioni stafilococciche.

Sono causate dallo Staphylococcus aureus un batterio che è responsabile di infezioni suppurative localizzate in vari tessuti del corpo ed anche alle prime vie respiratorie. La suppurazione può manifestarsi non solo sulla superficie cutanea ma anche negli organi interni e variare, quindi da lieve a potenzialmente letale.

Pertosse.

La pertosse è un’infezione del batterio bordetella pertussis nota anche come tosse convulsa o asinina per lo spasmo che produce alla laringe che si stringe e l’aria passandovi genera un rumore simile al raglio di un asino. La pertosse esordisce con una fase iniziale simile a quella influenzale e quindi col mal di gola.

Altre patologie che possono provocare il mal di gola.

Oltre alle già citate infezioni da virus e batteri il mal di gola può manifestarsi come sintomo di altre patologie.

Esofagite da reflusso.

L’esofagite da reflusso è una patologia per cui i succhi gastrici acidi passano dallo stomaco all’esofago fino in gola provocando irritazioni e mal di gola. Il reflusso molto spesso è accompagnato da ernia iatale (passaggio di parte dello stomaco dalla cavità addominale a quella toracica attraverso lo iato).

Tumori della gola o delle corde vocali.

Possono avere come sintomatologia oltre che l’abbassamento della voce anche mal di gola.

Allergie.

Allergeni come pollini o polvere possono possono provocare reazioni allergiche i cui sintomi tipici sono naso congestionato e gocciolante, lacrimazione, occhi rossi e  irritazione delle mucose e di conseguenza anche il mal di gola. 

Fattori di rischio.

Indipendentemente dalle cause esistono dei fattori che aumentano la probabilità di incappare nel disturbo/malattia. Di seguito ne raccogliamo i principali:

Come si manifesta il mal di gola?

Poiché le cause che sono alla base del mal di gola sono tante e diverse tra loro ovviamente anche i sintomi che lo accompagnano sono molto diversi da caso a caso. Comunque indipendentemente dalla causa il quadro clinico generale che con maggior frequenza è associato al mal di gola è caratterizzato da una prolungata e fastidiosa sensazione di secchezza e bruciore della gola, difficoltà nel deglutire i cibi (in special modo quelli solidi), afonia o difficoltà nel parlare, un senso di malessere generalizzato.

Se il mal di gola è conseguente ad una infezione virale (tonsillite, faringite o laringite) a tali sintomi si possono unire anche:

Se il mal di gola è invece causato da una infezione batterica (tonsilliti, faringiti, laringiti e tracheiti) ai sintomi generali si aggiungono:

Complicanze del mal di gola.

Le complicanze più gravi sono quelle che fanno seguito a mal di gola dovuto alle infezioni batteriche e precisamente a quelle da streptococco. Queste, infatti, oltre alla faringite e quindi al mal di gola possono degenerare.

Otite.

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio  esterno ed interno che può essere una conseguenza del mal di gola. Infatti, quando i virus invadono l’apparato respiratorio scatenano un’infezione generale e la produzione di muco che può invadere anche l’orecchio provocando infiammazione.

Febbre reumatica.

La febbre reumatica fino alla fine della seconda guerra mondiale quando furono introdotti gli antibiotici era la malattia reumatica più diffusa ed anche la più temibile perché si accompagna ad artrite, infiammazioni dell’endocardio, miocardio e pericardio ed a gravi compromissioni delle valvole cardiache aortica e mitralica.Si accompagna spesso ad infezione da streptococco.

Glomerulonefrite.

La glomerulonefrite è un'infiammazione renale che è un danno ai glomeruli renali può condurre all'insufficienza renale può essere anch’essa una conseguenza dell’infezione da streptococco.

Rottura della milza.

Le complicanze più severe del mal di gola da infezioni virali sono conseguenti alla mononucleosi che può condurre alla rottura della milza.

Diagnosi del mal di gola.

Se la visita avviene nella fase acuta della malattia è facile per lo specialista formulare una corretta diagnosi sulle cause del mal di gola, dall'esame dei sintomi e da un’ispezione del cavo orale con l’ausilio di una sorgente luminosa ed una spatola per abbassare la lingua.

Se però la visita avviene quando già il paziente è in una fase cronica o recidiva del disturbo allora una giusta diagnosi diviene più complessa.

Sarà quindi necessario un Tampone faringeo e relativa coltura batterica per determinare con precisione la natura dell’infezione: virale o batterica. Attualmente è disponibile anche un test veloce che è in grado di fornire il risultato in qualche ora.

L’infezione da streptococco può diagnosticarsi oltre che con il tampone faringeo con la positività al titolo antistreptolisinico (TAS) che è un test ematochimico. 

Come curare il mal di gola.

La maggior parte dei mal di gola subisce una completa remissione nel volgere di qualche giorno o al massimo di una settimana senza alcun trattamento specifico se non quello sintomatico per lenire affezione febbrile e dolore. Appartengono a questa tipologia quelli provocati da infezioni virali. Questi richiedono infatti solo il riposo a letto per qualche giorno in ambiente non troppo caldo ed adeguatamente umidificato e la somministrazione di molti liquidi per idratare le mucose.

Cure farmacologiche.

Per contenere il dolore provocato dall’irritazione e dall’infezione delle vie respiratorie si utilizzano:

Se le tonsilliti divengono recidivanti o si verifica un ascesso peritonsillare allora si rende necessaria la tonsillectomia ossia la loro asportazione chirurgica. L’intervento che viene praticato in day hospital in anestesia locale, può avvenire con la comune tecnica chirurgica o negli adulti si possono utilizzare le radio frequenze che consentono un intervento esangue e privo di rischi.

Rimedi della nonna.

Per apportare sollievo al fastidio provocato dall’irritazione/infiammazione delle vie respiratorie si possono utilizzare una serie di rimedi noti come “rimedi della nonna” che comprendono:

Suffumigi.

I suffumigi per il mal di gola si fanno con vapori di acqua calda in cui si è sciolto qualche cucchiaio di bicarbonato o degli oli essenziali balsamici.

Gargarismi.

I gargarismi con acqua e sale, con acqua e limone, con acqua ossigenata, tè o latte caldo dolcificati con abbondante miele sono un ottimo rimedio per placare l'infiammazione ed il dolore.

Rimedi naturali ed alternativi per il mal di gola.

I rimedi naturali fitoterapici ed omeopatici, possono risultare di qualche utilità nel solo caso di mal di gola provocato da irritazione delle mucose e da tonsilliti, faringiti e laringiti virali. Le erbe più comuni che vengono utilizzate sono:

Limone.

Grazie alle sue proprietà il limone è un antibatterico naturale e può essere utilizzato per fare efficaci gargarismi.

Propoli.

La propoli che è una miscela di resine, balsami e cere che le api raccolgono da vari tipi di alberi: abete, ippocastano, olmo, quercia etc è un  rimedio particolarmente utilizzato per il mal di gola perchè è disinfettante, antibatterico. Si può utilizzare sotto forma di tintura madre, scigliendo una ventina di gocce nel miele o di spray da spruzzare direttamente in gola.

Pompelmo.

Altro rimedio particolarmente apprezzato per il mal di gola dai fans della medicina naturale sono i semi di pompelmo a cui vengono riconosciute oltre che abbondanza di vitamina C proprietà antimicrobiche.

Zenzero.

Lo zenzero è un antinfiammatorio naturale che può essere assunto sotto forma di tisana o decotto per curare tosse e mal di gola. Molto utilizzato nella medicina orientale come disinfettante del cavo orale, allevia il dolore e previene le placche.

Quanto dura?

Il mal di gola di origine virale che colpisce soprattutto i bambini è un disturbo che generalmente scompare in pochi giorni e non lascia conseguenze.

Anche mal di gola di origine batterica si risolve in poco tempo.

Vi sono casi in cui il mal di gola non guarisce dopo tre/quattro giorni.

E’ allora il caso di consultare un medico perchè potrebbe essere sintomo di una patologia più seria.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI