Mioclonie o spasmi muscolari. Le cause delle contrazioni involontarie

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Analizziamo quali sono le possibili cause delle mioclonie ovvero di quegli spasmi muscolari determinati da contrazioni involontarie.

    Indice Articolo:
  1. Cosa sono?
  2. Cause: fisiologiche, patologiche e iatrogene
  3. Tipologie
  4. Diagnosi
  5. Trattamento

Cosa sono le mioclonie?

La mioclonia  è  una condizione caratterizzata da brevi spasmi di uno o più muscoli (mioclono), ovvero  la  contrazione o il  rilassamento (perdita della contrazione o tono) involontario (non regolato dalla volontà dell’individuo) di una o più  masse muscolari. Lo spasmo muscolare tipico del mioclono può essere una contrazione ed allora si parla di mioclono positivo o un rilassamento ossia una perdita di contrazione ed allora  si parla di mioclono negativo o anche di asterissi o ancora di flapping tremors.

Le caratteristiche essenziali che identificano le mioclonie sono:

Notiamo che il mioclono non è in se una malattia e neppure un sintomo, che è una alterazione avvertita dal paziente della normale sensazione del proprio corpo, ma è invece un segno, ossia un  riscontro di una  malattia  che il medico constata durante la visita del paziente. 

Gli spasmi mioclonici o mioclonie  appartengono alla più ampia categoria dei disturbi del movimento. Dove i disturbi del movimento costituiscono  tutte quelle condizioni caratterizzate da un cattivo funzionamento della muscolatura volontaria ossia dei muscoli che si muovono azionati dalla nostra volontà.

I disturbi del movimento si distinguono in:
  • Mioclonie.
  • Tremori. Dondolio periodico di alcune parti del corpo (ad esempio le mani).
  • Bradicinesia. Difficoltà e rallentamento nell’intraprendere un movimento.
  • Coreoateosi. Movimenti involontari di parti del corpo: rapidi, a scatto e di ampiezza notevole (interessano principalmente collo e volto).
  • Tics. Movimenti, involontari ed immutabili.
  • Distonie. Posture involontarie mantenute nel tempo.
  • Sincinesie. Movimenti involontari di un arto contemporanei al movimento volontario dell’altro arto simmetrico.
  • Abasia. Compromissione della deambulazione per mancanza di coordinazione dei movimenti.

Cause degli spasmi muscolari: fisiologiche, patologiche e iatrogene.

Le mioclonie possono avere numerosissime cause e queste per di più risultano anche  estremamente eterogenee tra loro. Comunque,  ciononostante, è  possibile  suddividerle in due grosse categorie e precisamente in: cause fisiologiche e cause patologiche.

Cause fisiologiche.

Le Mioclonie fisiologiche sono tutte quelle che interessano soggetti sani e  in buona salute e che sono legate a processi fisiologici o quantomeno benigni.

Sono quelle che si presentano in soggetti sani in cui il mioclono compare improvvisamente dura poco tempo e scompare. Le più comuni sono:

Cause patologiche: le miocolnie secondarie.

Le Mioclonie secondarie, o anche sintomatiche, sono appunto uno dei sintomi di una patologia di base. Le principali patologie che inducono il sintomo sono:

Cause iatrogene: spasmi muscolari indotti da farmaci o sostanze. 

La mioclonia può anche essere causata da complicanze, o effetti collaterali di alcune sostanze:

I meccanismi fisiologici che inducono il mioclono.
I meccanismi che sono alla base delle mioclonie non sono, allo stato attuale delle cose, noti del tutto. Affermazione avvalorata dalla constatazione che medesime tipologie di mioclonie non rispondono in maniera egualmente positiva alla stessa terapia.

Tale situazione già di per se complessa, per la scarsa conoscenza dei processi, è resa ancora più intricata dal fatto che  non  tutti i tipi di mioclonie sono retti dai medesimi processi fisiopatologici.

Le ipotesi che si fanno in merito sono svariate. Ne accenniamo una delle più attendibili che è stata  formulata per le mioclonie che vengono scatenate  stimoli esterni ( luci, rumori, etc.).

Essa  ipotizza  che tali  mioclonie  si scatenino perchè  le aree del cervello (corteccia e reticolo mediale ) e midollo spinale che sono  deputate al controllo dei muscoli volontari  risultano, in determinate condizioni, iper eccitabili. Un ruolo essenziale nel determinare questa condizione di ipereccitabilità si suppone sia svolto da alcuni  neurotrasmettitori, ossia da quelle sostanze chimiche che fungono da messaggeri tra una cellula nervosa ed una altra. Potrebbe infatti accadere che squilibri o carenze di alcuni neurotrasmettitori rendano più sensibili alcune cellule innescando così  il fenomeno delle mioclonie. In particolare si ipotizza che i neurotrasmettitori che possono essere coinvolti in questi  meccanismi siano: serotonina e acido gamma amminobutirrico. Entrambi  infatti hanno un effetto inibitorio e coadiuvano il cervello nell’azione di controllo dei muscoli.

Tipi di mioclonie: dove e come si presentano gli spasmi. 

La classificazione degli spasmi involontari può essere fatta secondo diversi criteri, oltre quello delle cause che, come visto sopra,  le distingue in fisiologiche e secondarie, è possibile classificarle in base alla zona del corpo che colpiscono ed al tipo di movimento che inducono. In particolare:

Diagnosi: un procedimento di esclusione!

Come  si può facilmente intendere, da quanto fin qui detto, le mioclonie costituiscono un problema molto complesso e variegato per cui la diagnosi ossia l’individuazione della causa può risultare cosa non facile e talvolta addirittura impossibile  (mioclonie idiopatiche). Il protocollo diagnostico per tale scopo procede con esclusioni continue  ed è normalmente il seguente:

Elettroencefalografia.  La sua rappresentazione grafica è l’elettroencefalogramma che una registrazione delle attività elettriche cerebrali. Il tutto viene realizzato con una speciale attrezzatura nota come elettroencefalografo. Anomalie del tracciato dell’elettroencefalogramma  sono indicative  di compromissioni neurali .

RMN. La risonanza magnetica fornisce una immagine dei tessuti  molli contenuti nella scatola cranica  e serve ad escludere presenza di tumori e compromissioni delle aree che possono indurre il mioclone.

Elettromiografia.  Serve a fornire dettagli sulla corretta funzionalità sia dei muscoli scheletrici che dei nervi periferici (ossia al di fuori del cervello e midollo spinale).

Test di funzionalità epatica, renali, e tossicologici . Per escludere eventuali insufficienze.

Trattamento delle mioclonie: la cura dei sintomi.

Nota la causa che induce la mioclonia bisogna, curarla ed eliminarla ad avvenuta guarigione il segno sparirà. Naturalmente non sempre ciò è possibile,  anzi solo in casi molto rari pertanto la terapia resta di tipo sintomatico.Ossia si tenterà di lenire e mantenere sotto controllo il problema.

I farmaci  che vengono utilizzati a tale scopo sono: i tranquillanti e gli anticonvulsivanti.

I tranquillanti usati appartengono alla categoria delle benzodiazepine ed il più comune è a base di Clonazepam.

Gli anticonvulsivanti sono quelli utilizzati per sedare le crisi epilettiche. I più comuni sono primidone ed acido valproico.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI