Premenopausa: cosa fare? Sintomi, disturbi e dieta

La premenopausa è il periodo della vita della donna che precede la menopausa e può avere una durata persino di dieci anni. In tale lasso di tempo, insorgono una serie di disturbi sia di natura organica che psicologica. Scopriamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi più comuni e soprattutto come poterli gestire per vivere al meglio questo momento di transizione così delicato.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Sintomi
  3. Diagnosi
  4. Cosa fare?
  5. Alimentazione
  6. Farmaci

Cos’è la premenopausa?

La premenopausa è quel periodo fisiologico della vita della donna che precede la menopausa, ossia il momento in cui cesserà l’attività ovarica e anche la fertilità.

Si tratta di una fase graduale che può durare da pochi mesi fino a anche 5-10 anni. In media, le donne italiane entrano in menopausa tra i 45 e i 55 anni, con un picco intorno a 51 anni. C’è da dire però che l’inizio di questi cambiamenti fisici ed emotivi è soggettivo e dipende da vari fattori:

Approfondisci le cause della menopausa precoce.

Durante questa fase, l’attività delle ovaie lentamente diminuisce a causa del fatto che il patrimonio follicolare che “è attribuito” ad ogni donna alla nascita sta terminando.

La diminuzione dell’attività ovarica però si riflette su tantissimi aspetti: sul metabolismo, sulla psiche, sulla vita sessuale. Questo fa si che le manifestazioni sono soggettive e altamente variabili.

Cosa accade dal punto di vista ormonale?

Dal punto di vista ormonale, possiamo parlare di due fasi premenopausali:

Man mano che ci si avvicina alla fase perimenopausale, i cicli diventano sempre più rari ed irregolari fino a che scompaiono.

Ecco schematicamente cosa avviene:

Prima fase
  • Diminuzione Inibina
  • Aumento FSH
  • Estrogeni regolari o lievemente aumentati
  • Cicli ovulatori
Seconda fase
  • Diminuzione Inibina
  • Ulteriore aumento FSH
  • Aumento LH
  • Lieve diminuzione estrogeni
  • Cicli sempre più anovulatori
Legenda:
  • Inibina FSH: ormone follicolo stimolante
  • Estrogeni: ormoni prodotti dal follicolo ovarico durante la fase ovulatoria
  • LH: ormone luteinizzante, favorisce l’ovulazione
  • Cicli ovulatori: cicli con presenza di un follicolo che giunge a maturazione
  • Cicli anovulatori: cicli senza la presenza di un follicolo che giunge a maturazione

Sintomi: i disturbi che caratterizzano la premenopausa.

La sintomatologia che accompagna questo momento della vita della donna, è abbastanza chiara e il lasso di tempo è relativamente lungo, per poter dare modo al fisico e anche alla psiche di abituarsi gradualmente ad una nuova concezione della vita, con l’assenza delle mestruazioni e la cessazione della fertilità.

Ecco i principali sintomi:

La diagnosi.

La diagnosi di premenopausa, si fa generalmente in base alla sintomatologia che la donna riferisce al medico curante o al ginecologo. L’età e l’insieme dei sintomi, possono bastare il più delle volte a formulare la diagnosi.

Un ulteriore aiuto può venire dal dosaggio degli ormoni (ormoni tiroidei, FSH, Estradiolo, LH). E’ fondamentale, in questa fase, la figura del couselling che può aiutare la paziente in questa normale e fisiologica parte della vita, in modo che la donna la viva al meglio, attuando dei cambiamenti nello stile di vita atti ad alleviare i sintomi.

Cosa fare: consigli per alleviare i disturbi che accompagnano la fine dell’attività ovulatoria.

Ecco i principali consigli per le donne in premenopausa:

L’alimentazione e lo stile di vita da adottare.

Un capitolo a parte, è quello che riguarda l’alimentazione. Infatti è proprio grazie al cambiamento dello stile di vita alimentare che è possibile tenere a bada i sintomi e vivere questa fase di transizione nel modo più sereno e soprattutto più sano possibile.

Ecco i consigli alimentari più importanti:

I controlli periodici per valutare il benessere.

In ogni fase della vita, è importante valutare il benessere fisico. In premenopausa e in menopausa, al fine della prevenzione, è importante fare alcuni controlli specifici che vanno poi ripetuti nell’arco degli anni.

Tra i 45 e i 65 anni
Per quanto riguarda gli esami ematici, è bene fare un controllo del colesterolo. Basterà un semplice prelievo di sangue ed è possibile abbinarlo ad altri esami di controllo, come ad esempio un emocromo completo. Se il valore non rientra nei range di normalità, l’esame andrà ripetuto almeno ogni anno, abbinando anche un controllo del colesterolo HDL (colesterolo buono) e dei trigliceridi.
Dopo i 50 anni
E’ bene fare almeno un controllo del sangue occulto nelle feci per la prevenzione delle malattie dell’intestino. L’esame viene eseguito raccogliendo semplicemente un campione di feci che verrà poi analizzato. Il sangue occulto è uno dei primi segnali dell’eventuale presenza di neoplasie dell’intestino o lesioni o ulcere o polipi.
Tra i 50 e i 70 anni
Un altro esame molto importante, che si consiglia è la mammografia. E’ un esame radiografico tramite il quale è possibile evidenziare piccole masse all’interno della mammella e viene prescritto a tutte le donne in questa fascia di età almeno ogni due anni. Se poi si hanno fattori di rischio (es. precedenti casi di tumore della mammella) è preferibile fare controlli più ravvicinati. E’ un esame poco invasivo e solo lievemente fastidioso ed è maggiormente raccomandato se si è in terapia con estrogeni o con TOS (terapia ormonale sostitutiva, in menopausa). Ugualmente, se si assume una terapia con estrogeni, è bene fare una ecografia all’utero ogni due anni e un pap test almeno ogni 3 anni. Il pap test è un esame tramite il quale viene raccolto un campione di cellule del collo dell’utero e viene analizzato, nell’ambito della prevenzione delle neoplasie cervicali. Viene praticato in tutti gli studi ginecologici o anche presso i consultori (che invieranno una lettera a domicilio per poterlo eseguire gratuitamente). E’ poco fastidioso, si esegue rapidamente, specie se la mano dell’operatore che lo esegue ha una grande praticità.

La terapia farmacologica ed i rimedi naturali consigliati in premenopausa.

Non esiste una vera e propria terapia standard per il trattamento della premenopausa, essendo una condizione fisiologica, infatti, non è necessario assumere farmaci.

E’ bene, come abbiamo detto, modificare lo stile di vita per ridurre la sintomatologia.

Se però i sintomi, specie quelli ginecologici, sono molto fastidiosi e interferiscono con la vita di tutti i giorni è possibile tenerli a bada con l’uso di farmaci.

In particolare, se le mestruazioni si presentano troppo abbondanti o irregolari o troppo frequenti è possibile gestirle in due modi:

Per la secchezza vaginale è possibile utilizzare gel, ovuli o creme a base di estrogeni da applicare localmente per favorire il trofismo vaginale e migliorare la lubrificazione. Questo aiuta a ridurre anche il rischio di rapporti sessuali dolorosi e poco soddisfacenti.

Per quanto riguarda l’integrazione di vitamine e minerali, può essere sufficiente una corretta alimentazione. Quando ciò non basta, ci si può affidare a complessi vitaminici da assumere per via orale, che possono contenere:

E’ possibile poi assumere melatonina per favorire un buon sonno e combattere l’insonnia, sottoforma di soluzione da diluire in acqua o come gocce, da prendere per via orale prima di dormire.

Anche il mondo naturale viene in aiuto delle donne in premenopausa. Esistono, infatti, molti rimedi fitoterapici che possono aiutare a lenire i sintomi senza ricorrere a farmaci.

Ecco alcuni esempi:

La premenopausa è una fase molto delicata della vita della donna e con la giusta alimentazione e i rimedi naturali può essere vissuta al meglio, riducendo i sintomi e migliorando l’umore.

Informazioni Sugli Autori: Dottoressa Laura Lombardo (Laurea in ostetricia)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTACI