Aneurisma: tipologie, sintomi, cause, conseguenze e terapie

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Approfondiamo le caratteristiche e le tipologie dell’aneurisma. Quali sono le cause della dilatazione della parete di un vaso sanguigno? Con quali sintomi si manifesta? Scopriamo le terapie e le conseguenze, spesso mortali, legate alla rottura del vaso colpito.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Tipologie
  3. Sintomi
  4. Cause e fattori di rischio
  5. Diagnosi
  6. Terapie
  7. Conseguenze

Che cosa è un aneurisma?

L’aneurisma è un rigonfiamento, a mo di bolla o palloncino, della parete di un vaso sanguigno (più frequentemente una arteria) conseguenza di un aumento della pressione sanguigna e dell’indebolimento localizzato della parete vasale. L’ndebolimento della parete non consente più di bilanciare la pressione esercitata su di essa e quindi si dilata. Per completare tale definizione vanno però fatte ancora due ulteriori precisazioni:

L’aneurisma costituisce un serio problema per la salute di chi ne soffre perchè può facilmente rompersi provocando una grave emorragia che, se è localizzata in un vaso di grosse dimensioni come l’aorta, può condurre rapidamente alla morte.La rottura di un aneurisma è una grave emergenza medica che richiede un intervento chirurgico immediato. Anche se l’aneurisma non va incontro a rottura può comunque provocare altri seri problemi come trombi ed emboli.

Tipologie: classificazione in funzione della forma e della posizione. 

Generalmente i criteri utilizzati per diversificare gli aneurismi sono:

Morfologici. Ossia in funzione della forma e della posizione della protuberanza della vena o - arteria. Secondo tale criterio potremo avere:

Posizione. Ossia in quale regione anatomica si sviluppano. Secondo tale criterio possiamo avere:

Sintomi dell'aneurisma: dipendono dal vaso colpito.

Nella maggioranza delle situazioni l’aneurisma si evolve in maniera del tutto asintomatica e ci si accorge della sua presenza casualmemte per una indagine di routine. Questa ovviamente la situazione più favorevole perchè, e bisogna aggiungere purtroppo, fin troppo spesso la presenza dell’aneurisma si evidenzia solo quando il vaso sanguigno si lacera mettendo a repentaglio la vita del paziente.

Se esiste una sintomatologia essa è strettamente dipendente da dove l’aneurisma è posizionato.

Così nel caso di aneurisma cerebrale in cui la sintomatologia fondamentalmente è conseguenza della compressione delle strutture adiacenti avremo:

Nella eventualità di una lacerazione dell’aneurisma cerebrale e conseguente emorragia nella regione subaracnoidea (regione della scatola cranica al di sotto della membrana aracnoidea e quindi al di fuori del tessuto cerebrale) i sintomi saranno:

  • Cefalea violenta.

  • Dolore nella regione posteriore a globi oculari.

  • Abbassamento delle palpebre.

  • Dolore e rigidità del collo.

  • Perdita della vista o visione doppia.

  • Convulsioni.

  • Perdita di conoscenza.

Nel caso di aneurisma dell’aorta toracica la sintomatologia invece comprenderà:

Approfondisci cause e rischi dell'aneurisma aortico.

Cause e fattori di rischio: quando è probabile la formazione di un aneurisma.

Come si è detto l’aneurisma è una sorta di sfiancamento della parete vasale che non riesce a contenere la pressione interna e si dilata. Per questo motivo le possibili cause della malattia, oltre a quelle congenite,  saranno tutte quelle in grado di determinare un indebolimento della parete della vena o arteria e quindi:

Fattori di rischio.

Alcuni fattori aumentano la probabilità di sviluppare aneurismi.

Essi sono:

Diagnosi: esame obiettivo e tecniche di imaging.

La diagnosi viene effettuata dal medico al momento dell’esame obiettivo: il medico può infatti palpare una massa pulsante all’addome o auscultare un soffio causato dal flusso di sangue. la Diagnosi viene completata essenzialmente servendosi di tecniche di imaging che consentono di fotografare il rigonfiamento del vaso e la presenza di eventuali trombi. Le tecniche più utilizzate sono:

Quali sono le terapie? 

Gli aneurismi di dimensione inferiore a 5 cm generalmente vengono trattati con i farmaci, mentre per gli aneurismi più grandi bisogna ricorrere all’intervento chirurgico perchè si rompono facilmente.

Farmaci per la pressione.

La terapia farmacologica è tesa ad evitare possibili complicanze e quindi ad abbassare la pressione sanguigna onde evitare la lacerazione dell’arteria o della vena e a fluidificare il sangue se vi è presenza di trombi da cui possono staccarsi emboli.

Intervento chirurgico per rimuovere la parte di vaso dilatata.

L’intervento per eliminare l’aneurisma è un intervento ad alto rischio con percentuali di insuccesso e morte del paziente considerevoli. Per tale motivo si tende ad evitarlo se le dimensioni dell’aneurisma non aumentano nel tempo. Se l’intervento si rende necessario potrà essere eseguito in varie modalità. La scelta ella tecnica operatoria è ovviamente fatta in funzione del caratteristiche dell’aneurisma e della sua collocazione. Di seguito ne riportiamo qualche tipologia.

Prevenzione, rischi e conseguenze dell’aneurisma.

E’ evidente che per molti dei fattori di rischio di sviluppare un aneurisma non esiste possibile prevenzione. L’unico fattore che è possibile prevenire è la deposizione di placche aterosclerotiche. Prevenzione che passa attraverso: una vita sana (evitando fumo, eccessivo consumo di alcool e di droghe), corretta alimentazione e attività fisica aerobica costante.

Le complicanze dell’aneurisma sono molto temibili :

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI