Infiammazioni

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

In medicina ma anche nel linguaggio comune sentiamo sovente parlare di infiammazioni ed esse effettivamente costituiscono un fenomeno comunissimo. Basta un semplice taglietto o puntura di insetto e dopo poco notiamo un arrossamento con fastidio localizzato. Orbene anche in questo banale caso siamo in presenza di una infiammazione. Ma sappiamo veramente cosa è un?infiammazione? O ripetiamo semplicemente un termine abusato senza conoscerne l?effettivo significato?

L’infiammazione è un fenomeno alquanto complesso che coinvolge un gran numero di processi. L’articolo che segue proverà a fornirne una spiegazione semplice ma corretta evitando eccessivi formalismi scientifici che non facilitano certo la comprensione ai non addetti ai lavori.

L’infiammazione o flogosi è un sistema di difesa aspecifico del nostro corpo, meglio ancora del nostro sistema immunitario, rivolto contro un atto ritenuto dannoso operato da fattori esterni di varia natura. Ovviamente il fine di tale azione è protettivo e come tale si prefigge l’eliminazione della causa che viene ritenuta responsabile di possibili danni a tessuti o organi. Si è usato il termine aspecifico perché la reazione del sistema immunitario e quindi la risposta agli ipotetici nemici è la medesima qualunque sia il tipo di nemici e l’azione dannosa che possano arrecare. Prima di vedere in dettaglio come si instaura, evolve e conclude il processo infiammatorio qualche parola di chiarimento sul sistema immunitario e le sue funzioni.

Il sistema immunitario è una rete complessa composta da mediatori chimici e cellule che svolgono la funzione di difendere l’organismo da qualunque agente che possa arrecare danno sia esso di natura: fisica, chimica, biologica. La sua caratteristica fondamentale è la capacità di poter distinguere tra entità sia esse interne o esterne al corpo non pericolose e che perciò possono essere mantenute in vita (denominate self) ed entità sempre interne o esterne del corpo ritenute nocive e come tali da doversi distruggere. Il riconoscimento è di tipo chimico e viene effettuato da alcune categorie di cellule deputate allo scopo. I possibili intrusi vanno sotto il nome di antigeni.

Ciò detto procediamo con la descrizione del processo infiammatorio.

L’infiammazione ha generalmente un carattere localizzato con modificazione vistosa dei tessuti. Essa parte con una dilatazione dei vasi sanguigni ed un maggior afflusso di sangue in loco. Conseguente a tale dilatazione è una maggior permeabilità dei vasi sanguigni e quindi essudazione di liquido contenuto nel sangue dai vasi agli spazi intercellulari dei tessuti limitrofi. Ed ancora infiltrazione di leucociti dai capillari ai tessuti infiammati.

Il quadro clinico canonico della zona tissutale infiammata è caratterizzato dai seguenti 5 segni:

Una infiammazione in base alla durata viene classificata in: Acuta e Cronica.

Infiammazione acuta.

Può classificarsi in funzione del tipo di essudato che presenta in:

L’infiammazione acuta evolve generalmente in: 

Infiammazione cronica.

E un processo che dura almeno 3 mesi in cui coesistono:

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI