Insufficienza renale cronica: stadi, sintomi, dieta, terapia e rimedi naturali

Consulente Scientifico:
Dottoressa Karen Angelucci
(Specialista in farmacia)

L’insufficienza renale cronica è una patologia progressiva che comporta una degenerazione dei reni e colpisce per la maggior parte pazienti anziani. In questo articolo vedremo come affrontarla: quali sono i sintomi, le cause, gli esami medici che bisogna fare per diagnosticarla ed infine conosceremo meglio le possibili terapie e l’importanza di una corretta dieta da seguire per evitare che possa progredire.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Sintomi
  3. Cause
    1. Diabete
    2. Glomerulonefrite
    3. Rene policistico
    4. Ipertensione
    5. Ostruzione vie urinarie
  4. Diagnosi
  5. Terapia
  6. Dieta
  7. Rimedi naturali

Insufficienza renale cronica cos'è?

Si parla di insufficienza renale cronica quando ci si trova di fronte a soggetti in cui le funzioni dei reni sono compromesse. Generalmente la funzionalità dei reni degenera, all’inizio  lentamente, poi sempre più severamente, fino a portare all’inattivazione di queste ghiandole. Il meccanismo che porta alla progressiva deplezione non si può arrestare, però si possono mettere in atto delle strategie che lo rallentano, come vedremo nel corso di questo articolo.

Cosa sono i reni? Le loro funzioni.
I reni sono due organi a forma di fagiolo di colore rosso bruno, fanno parte dell'apparato escretore, che si trovano posteriormente, nella zona lombare, ai lati della colonna vertebrale.Sono molto importanti per mantenerci in buona salute, infatti le loro funzioni sono:
  • filtrare il sangue, per rimuovere le sostanze di scarto potenzialmente pericolose ed eliminarle nell'urina;
  • recuperare i nutrienti utili per il nostro organismo e rimetterli in circolo;
  • regolare il pH del sangue: favorendo l'eliminazione degli H+ sottoforma di ammoniaca ed il riassorbimento del bicarbonato, sostanza che svolge una funzione tampone all’interno del nostro organismo;
  • regolazione degli elettroliti, infatti nei reni viene riassorbito quasi tutto il sodio e di conseguenza anche una parte di acqua;
  • secrezione di ormoni come: reniena ed eritropoietina.
  • attivazione della vitamina D.

Gli stadi: come evolve l’insufficienza dei reni.

Negli stadi iniziali dell’insufficienza renale cronica l’attività dei reni, a differenza di quanto si potrebbe pensare, risulta essere aumentata: si genera una costrizione delle arterie che portano il sangue ai nefroni, l’unità funzionale dei reni, dove avviene la vera e propria filtrazione. Quindi, siccome il liquido da filtrare è spinto con una pressione maggiore i reni si usurano più facilmente perchè lavorano con un carico più alto del normale. Ciò determina anche un' aumento della minzione, che invece si riduce di molto nelle fasi più avanzate della patologia.

La malattia si presenta in diversi stadi a seconda della compromissione delle funzioni renali, ciò si valuta con un parametro detto: velocità di filtrazione glomerulare (GFR), la quale si calcola a partire dalla concentrazione di creatinina, che si può rinvenire nel sangue. Tale sostanza è prodotta dai muscoli e quando l'organismo è in buona salute, viene eliminata dai reni, quindi la quantità residua all'interno del corpo ci dà un’idea della gravità della patologia.
Gli stadi sono:

Stadio GFR
1 >90 ml/minuto
2 tra 60 e 98 ml/min
3 tra 69 e 30 ml/min
4 tra 29 e 15 ml/min
5 >15

I valori di GFR del primo stadio si possono considerare quasi normali invece, quelli del quinto indicano che la situazione è critica e quasi la totalità della funzione renale risulta essere totalmente compromessa quindi occorre un trapianto d’urgenza.

Oltre all’insufficienza renale cronica esiste anche quella acuta che, a differenza dell'altra, si manifesta in brevissimo tempo e c'è anche la possibilità di far riacquistare all'organo le sue funzionalità.

Sintomi: come si manifesta questa patologia dei reni.

I sintomi che fanno presagire un'insufficienza renale cronica sono:

Con l’aumentare degli stadi della patologia si manifestano, invece, i seguenti sintomi:

Approfondisci cause e conseguenze della carenza di vitamina D.

Cause dell’insufficienza renale cronica.

Le cause della comparsa dell'insufficienza renale cronica sono varie.

Diabete mellito.

Nel diabete mellito di tipo I o II l'eccessiva presenza di zuccheri nel sangue genera un danno a livello glomerulare, accelerando la degradazione renale;

Glomerulonefrite.

La glomerulonefriteè un’infiammazione dell'unità funzionale dei reni dove avviene concretamente la filtrazione, i nefroni, ciò può accadere per varie ragioni:l'utilizzo prolungato di farmaci, quali i FANS e gli antibiotici, malattie infettive come la TBC e tumori.

Rene policistico.

Il rene policistico è malattia genetica che determina la formazione di cisti all'interno dei reni che ne compromettono funzionalità

Ipertensione.

L'ipertensione, porta ad un danneggiamento dei vasi sanguigni che sono soggetti ad una maggiore sollecitazione da parte del sangue che spinge sulle loro pareti. Se non curata può danneggiare anche i capillari, molto fragili, che si trovano all’interno dei reni;

Ostruzione delle vie urinarie.

L'ostruzione alle vie urinarie, causata da ipertrofia prostatica benigna o calcoli biliari, se entrambi i reni ne sono colpiti, provoca insufficienza renale cronica altrimenti, se si inattiva un solo organo, l’altro, quello sano, può svolgere le funzioni di entrambi.

Diagnosi: le analisi che individuano il malfunzionamento dei reni.

Per diagnosticare un malfunzionamento dei reni occorre fare un esame del sangue combinato ad un’analisi delle urine ed in particolare monitorare alcuni valori:

Un altro esame che si può fare è la biopsia renale, nella quale si prelevano delle cellule dal rene per analizzarle in laboratorio, si utilizza un ago che penetra nella pelle fino ad arrivare all’organo dove si estrae un campione di tessuto.

Terapia: la dialisi e le cure che possono rallentare il progredire dell’insufficienza renale.

Per l'insufficienza renale cronica, come detto all'inizio di questo articolo, non c'è una cura, tutte le terapie che si fanno sono quelle che cercano di rallentare la degradazione dei reni, allontanando sempre di più la possibilità di un trapianto. Quest' ultimo, come si è visto in moderni studi, ha un'alta percentuale di riuscita soprattutto nei pazienti con un’età superiore ai 60 anni, nei quali la concentrazione dei globuli bianchi, è minore; in questo modo si minimizzano le possibilità di rigetto.

Un’alternativa al trapianto è senz'altro la dialisi, che altro non è che una "pulizia" del sangue fatta con appositi macchinari, dura circa 4 ore e deve essere ripetuta 3 volte a settimana.
Durante il decorso della patologia si possono usare diversi tipi di farmaci, per far fronte alle differenti complicanze che si verificano:

Dieta: cosa mangiare per aiutare i reni.

Per i pazienti che soffrono di insufficienza renale cronica la modulazione della dieta è di fondamentale importanza, in quanto può ridurre la quantità di medicinali presi e stabilizzare la situazione.

Le regole d'oro da seguire sono:

Si consiglia, quindi, di fare una dieta a base di pasta e riso e cercare nei negozi specializzati i cibi aproteici. La carne è consentita, basta che sia magra, come pollo o tacchino, lo stesso discorso vale per il pesce. Dare spazio a frutta e verdura, diminuendo, però l'utilizzo dei legumi. Bere molta acqua ed evitare gli alcolici ed il caffè.

Rimedi naturali ed omeopatici.

Oltre all’alimentazione anche dei rimedi, a base di piante, possono essere utili per stabilizzare l’insufficienza renale cronica, migliorando la situazione e ritardando quanto più possibile il trapianto. In alternativa si possono usare in presenza di un nuovo organo per mantenerlo in buona salute.

Le piante da inserire nella propria routine quotidiana sono:

Anche l’omeopatia può giovare ai reni, però, è bene scegliere i rimedi giusti: sarà un omeopata che consiglierà il prodotto più adatto alla persona, conoscendo il suo carattere e le sue inclinazioni. Affinchè una terapia omeopatica sia efficace non deve durare meno di 30 giorni, alcune di esse sono: di mantenimento, per prevenire le alterazioni dei reni, in questo caso si può usare il Solidago compositum. Quest’ ultima dicitura sta ad indicare che in questo prodotto sono presenti in maniera combinata più rimedi, la posologia classica sono 20 gocce 3 volte al giorno.

Altre invece servono a combattere un’ infiammazione in corso. Si usano vari rimedi combinati, somministrati 3 volte al giorno, come:

Per contrastare le recidive bisogna prendere:

Se si soffre di insufficienza renale cronica, quindi, bisogna regolare i propri stili di vita: mangiando controllato ed usando farmaci appropriati, per rallentare il decadimento degli organi. Attualmente il trapianto e la dialisi sono molto sicuri e garantiscono una ripresa veloce dalla buona salute

Informazioni Sugli Autori: Dottoressa Karen Angelucci (Laurea in chimica e tecnologia farmaceutica)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI