Glossite: cura, cause e sintomi della lingua infiammata

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Parleremo della glossite, delle cause, dei sintomi e delle cure di quel disturbo che comunemente viene indicato come lingua infiammata. Un disturbo di per se benigno ma che non va comunque sottovalutato, in quanto, raramente, può comportare difficoltà di deglutizione e respirazione.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche e tipologie
  2. Sintomi
  3. Cause
  4. Diagnosi
  5. Cura
  6. Prognosi

Cosa è la glossite.  

Il termine glossite indica una  infiammazione  della lingua che ne provoca  tumefazione e  cambiamento di colore. Talvolta a tutto ciò si aggiunge anche  perdita totale o parziale delle  papille che la  tappezzano tanto da conferirle un insolito  aspetto:  lucido, liscio ed arrossato.

La malattia è spesso indolore, ma talvolta si accompagna a dolore così intenso da rendere fastidiosa  la semplice  presenza della lingua nella  bocca. In alcuni casi la glossite provoca  tumefazione talmente  grave della lingua  da ostruire completamente  le vie aeree. In tali condizioni si incorre in  una grave  emergenza medica  che richiede ricovero  in struttura adeguata per cure immediate.

La glossite può essere una patologia a se stante ed allora si parla di glossite primaria o primitiva.

Oppure può essere sintomo di una patologia, intossicazione, reazione allergica, etc., ed allora si parla di glossite secondaria.

Tipologie.

Le più comuni glossiti primarie sono:

Glossite migrante benigna o anche lingua a carta geografica.

E’ una malattia infiammatoria della lingua che si presenta con piccole macchie rosse circondate da macchie bianche di area più consistenti così da configurare  una sorta di carta geografica e da qui il nome.

L’eziologia (la causa) della malattia è ancora ignota nonostante le numerose ipotesi in merito. La malattia è benigna e non necessita di nessun trattamento.

Glossite romboide mediana.

E’ una malformazione congenita della lingua che si presenta con una area a forma regolare e romboidale.

La parte priva della  mucosa che normalmente  riveste la lingua, si posizione nella sua parte centrale.

Spesso la glossite, detta appunto mediana,  si associa ad infezione da Candida.


Lingua nera villosa.

Malformazione delle papille della lingua che crescono in maniera abnorme e si pigmentano di scuro (marrone o nero) assorbendo coloranti o particelle di alimenti).

La pigmentazione causata da batteri cromogeni  si accompagna a lieve processo infiammatorio ed è normalmente asintomatica.

 

Lingua scrotale o fessurata.

E’ una malformazione, presumibilmente di natura  ereditaria, per cui la lingua si presenta ricoperta da una miriade di spacchi e fessurazioni.

I residui di cibo si accumulano nelle fessure e non riescono ad essere completamente rimossi. In tali fessurazioni il cibo residuo provoca irritazione, rossore e, nei casi più seri, infiammazione.

Le glossiti secondarie sono sintomi di malattie della pelle o di malattie infettive come possono essere: scarlattina (malattia esantematica provocata dall’infezione di ceppi del batterio Streptococcus Pyogenes) o sifilide (malattia a trasmissione sessuale dovuta all’infezione del batterio Treponema Pallidum).

L’infiammazione è acuta se la risposta è immediata ed ha una durata limitata nel tempo.

L’infiammazione è invece cronica se il processo perdura nel tempo per un periodo lungo e se in tale lasso di tempo coesistono l’infiammazione attiva, (anche se con un quadro clinico blando) la distruzione dei tessuti ed il contemporaneo tentativo di riparazione da parte dell’organismo.

Approfondimento: cosa è ed a cosa serve la lingua.

<div >

La lingua è un muscolo contenuto nella cavità orale che ha molteplici funhzionhi:
    <li >Coadiuva i processi digestivi mescolando gli alimenti con la saliva e favorendone la triturazione da parte dei denti.<li >Partecipa alla produzione dei suoni e quindi alla fonazione.<li >E' il principale organo del gusto e a tale scopo la sua mucosa è ricoperta dalle papille gustative che sono delle strutture dell’epitelio che fungono da sensori per la percezione dei sapori e della temperatura. Esistono 4 distinti tipi di papille:

La glossite, quasi sempre, risponde bene alle cure e perciò una volta rimosse infiammazione e/o infiammazione e  causa,  guarisce  con completo recupero  della funzionalità della lingua.

Sintomi dell’infiammazione della lingua.

I sintomi più comuni che evidenziano il quadro clinico della glossite sono:

E importante come già accennato  contattare immediatamente il medico se l’nfiammazione e la tumefazione  della lingua sono tali da rendere difficoltosa la deglutizione ed ancor più la respirazione.

Cause patologiche della glossite secondaria.

Le cause della glossite sono numerose ed eterogenee tra loro e di seguito ne elenchiamo le più comuni:

Approfondisci le altre possibili conseguenze della carenza di ferro.

Diagnosi dell’infiammazione.

Lo specialista a cui far riferimento nel  caso di lingua infiammata è il dermatologo o il dentista. Questi effettuerà la diagnosi  servendosi di:

Cura della glossite: terapia primaria e trattamento dei sintomi.

Per  trattare la malattia è necessario  innanzi tutto disporre di una corretta diagnosi: ossia aver con precisione  individuato la causa che ha determinato l’infiammazione.  Ovviamente, poichè come si è visto, le cause  possono essere molteplici ed eterogenee, non esisterà  un protocollo univoco di cura, ma questo  varierà in funzione dell’eziologia.   

Contemporaneamente alla  terapia primaria sarà  necessario trattenere  la sintomatologia ossia la infiammazione. 

Naturalmente se la glossite è di tipo primario basterà semplicemente curare l’infiammazione. Per tale cura si  utilizzano o antinfiammatori non steroidei o nei casi più resistenti corticosteroidei come ad esempio il prednisone.  Se l’infiammazione è di entità contenuta basteranno applicazioni topiche: sciacqui con colluttori  contenenti il principio attivo. 

Se invece l’infiammazione è severa è la lingua è gonfia e dolorante  i farmaci verranno somministrati per via orale (os) o addirittura iniettati

Per quanto riguarda la  cura della patologia associata che è la causa della flogosi essa è naturalmente varia e può contemplare somministrazione di:

Comunque sia nel periodo in cui l’infiammazione è in atto occorrerà evitare alimenti speziati, piccanti ed irritanti che aggraverebbero ulteriormente  la sintomatologia.

Prevenzione e prognosi.

La prevenzione presuppone una drastica riduzione dei fattori di rischio che sono tanti ed eterogenei e pertanto non sempre è praticabile. Gli unici rimedi realmente applicabili sono:

Come già detto la glossite è una patologia benigna che risponde bene alle terapie e perciò la prognosi è, nella grande maggioranza dei casi, più che benevola. 

L’unica vera e seria complicanza è  che l’eccessivo gonfiore della lingua e dei tessuti adiacenti per il processo infiammatorio in atto possa ostruire le vie respiratorie ed impedire il normale deflusso dell’aria. Qualora si noti eccessivo turgore della lingua e problemi di deglutizione , in special modo in neonati o bambini, è indispensabile un rapido ricovero in ospedale.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sui Consulenti Scientifici)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
ARTICOLI CHI SIAMO CONTATTACI